fbpx
Now Reading
Fabrizio Moro in concerto a Napoli

Fabrizio Moro in concerto a Napoli

Fabrizio Moro Figli di Nessuno Tour 2019 Napoli 01

Figli di Nessuno Tour – 4 dicembre al Teatro Augusteo

Mercoledi 4 dicembre è il giorno della consacrazione, qui a Napoli, di uno dei cantautori più seguiti dai giovani e giovanissimi (ma non solo) che è riuscito a riempire il Teatro Augusteo: Fabrizio Moro.

Tappa napoletana quindi per il suo nuovo tour “Figli di Nessuno Tour” che, dal 12 ottobre scorso,  lo sta portando da mesi nei più grandi Teatri e Palazzetti della Musica di tutta Italia.   A salire sul palco insieme a Fabrizio nel corso della serata saranno Claudio Junior Bielli al pianoforte, alle tastiere e alle programmazioni, Roberto Maccaroni alla chitarra e ai cori, Danilo Molinari alla chitarra, Alessandro Inolti alla batteria e Andrea Ra al basso e ai cori.

Fabrizio Moro, all’anagrafe Fabrizio Mobrici (Roma, 9 aprile 1975), è un cantautore e musicista italiano. Attivo dal 1996, nell’arco della sua carriera ha pubblicato tredici album, di cui dieci in studio, uno dal vivo e due raccolte.

Ha partecipato a sei Festival di Sanremo con i brani Un giorno senza fine nel 2000, Pensa nel 2007, vincendo la gara nella sezione Giovani ed il relativo Premio della Critica Mia Martini, Eppure mi hai cambiato la vita nel 2008, Non è una canzone nel 2010, Portami via nel 2017 e vincendo la sezione Big nel 2018 con Non mi avete fatto niente in coppia con Ermal Meta. In veste di autore ha partecipato nel 2012 con Sono solo parole e nel 2016 con Finalmente piove.

Una vita difficile la sua, sia perché ha dovuto lottare con suo padre che voleva che scegliesse un lavoro “sicuro” (“I musicisti muoiono di fame “ripeteva spesso) sia perché ha dovuto lottare nella vita, in un contesto difficile come la periferia di Roma a San Basilio dove ha imparato presto a doversi difendere da tutto e tutti.

E la stessa cosa ha dovuto farla nel mondo della musica, nel quale ha costruito un percorso fatto di successi e insuccessi, di cadute e risalite, che lo hanno portato a scrivere brani di grande impatto emotivo, spesso su temi cari al mondo dei giovani che hanno riguardato in prima linea anche lo stesso cantautore.

Un cantautore dei sentimenti ma anche con un’anima rock/punk, sottolineata dal tatuaggio (uno dei tanti che riempiono il suo corpo e che ha mostrato al pubblico nella seconda parte del concerto quando ha tolto la giacca color argento luccicante, e si è presentato sul palco con la sua immancabile canotta nera, con la scritta “punk” all’altezza del cuore per sottolineare che ha sempre avuto un cuore punk, una vena ribelle e insofferente nei confronti del sistema. Una rabbia che lo ha salvato quando ha imparato a dosarla bene, incanalandola nella sua musica e nei suoi testi.

Con una scaletta che spaziato  dai brani del suo ultimo album Figli di nessuno ai grandi (e tanti) successi della carriera, Fabrizio infiamma il palazzetto alternando momenti di puro rock, ben rappresentati dal potente inizio affidato alla martellante Quasi e da autentiche perle come Libero“, “L’essenza e Sono come sono, alle grandi ballate che emozionano il numeroso pubblico presente, unito in un grande coro nell’intermezzo acustico e sulle note degli ultimi grandi successi come Portami via” o “L’eternità, “Non mi avete fatto niente” che lo portò alla vittoria con Ermal Meta a Sanremo.

Il tutto senza dimenticare l’impegno politico e sociale, da sempre tratto distintivo del cantautore, che viene fuori soprattutto dall’accoppiata “Pensa-Me n’ammoravo de te”.

Un concerto, quello chiuso come sempre con la verve poetica del brano “Pace”, che certamente rappresenta per Moro un grande passo, un momento eterno scolpito nella mente di un artista che non si è mai arreso e che oggi sta finalmente ricevendo il meritato riconoscimento a livello nazionale.

 

Annamaria De Crescenzo

Photoset by  Mario Catuogno Spectra Foto 

Credits: si ringrazia Parole e Dintorni   per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento.

BAND:

Claudio Junior Bielli (pianoforte,  tastiere e programmazioni)
Roberto Maccaroni (chitarra e cori)
Danilo Molinari (chitarra)
Alessandro Inolti (batteria)
Andrea Ra ( basso e cori)

SETLIST:

  1. Quasi
  2. Arresto cardiaco
  3. Tutto quello che volevi
  4. Figli di nessuno
  5. La felicità
  6. Per me
  7. Tu
  8. Alessandra sarà sempre più bella
  9. Eppure mi hai cambiato la vita
  10. Non mi avete fatto niente
  11. Ho bisogno di credere
  12. Giocattoli
  13. 21 anni
  14. Sangue nelle vene
  15. Come te
  16. Quando ti stringo forte
  17. Libero
  18. L’essenza
  19. Portami via
  20. Parole, rumori e giorni
  21. Non mi sta bene niente
  22. Filo d’erba
  23. Pace
moro