OLIVIA BELLI – Mater

olivi belli mater

Con oltre 20 milioni di streaming su Spotify e importanti collaborazioni, tra cui un prossimo progetto con il Premio Pulitzer Ian Urbina, Olivia Belli, compositrice e pianista della scena neo-classica, debutta nel 2018 con l’album ‘Where Night Never Comes’, prodotto grazie al supporto della campagna di crowdfunding Kickstarter, che ha sostenuto il suo progetto inserendolo tra i ‘Project We Love’. Il disco ha ottenuto un ottimo riscontro di pubblico e critica, dove è stato ben accolto nelle Chart di Modern Classical, raggiungendo la #1 nella ‘Best Modern Classical Album 2018 by SoloPiano.com (USA)’ ed inserito nella Classical Top Chart di Reverbnation. Negli ultimi tre anni i brani di Olivia Belli sono stati inseriti nelle playlist ufficiali di Starbucks, Spotify e Digster, suonati da BBC Radio 3, BBC 6 Music, KEXP e Classic FM ed accompagnato momenti televisivi su Sky e Rai. Olivia Belli suona ogni tipo di pianoforte, ognuno con una propria anima che ispira l’artista in modo differente, il cui suono viene talvolta arricchito da samples create da Olivia, rumori di sottofondo registrati durante i suoi viaggi o, semplicemente, elementi di elettronica. Nata a Mantova, figlia di un manager, ha trascorso buona parte della sua infanzia cambiando spesso città, seguendo gli spostamenti lavorativi del padre. All’età di nove anni si trasferisce a Trieste, città eclettica e piena di stimoli che la mette in contatto con la natura e con la musica, due elementi sino ad ora mancanti nella sua esistenza. Studia al Conservatorio ed in seguito ad un incidente, che la costringe a cambiare le sue abitudini, trova in colui che diviene poi suo marito, il suo maestro e mentore, con il quale ha modo, negli anni seguenti, di dare sfogo alla sua creatività ed al suo rapporto con l’arte. Insieme registrano musiche, collaborano con spettacoli e ne inventano altri, show con attori, ballerini, pittori, video maker, dove il pianoforte rimane comunque protagonista. Dopo un periodo a Londra, trascorso a lavorare per un’importante agenzia di management musicale, Olivia Belli ed il marito tornano in Italia e cambiano vita, trasferendosi nella tranquillità delle Marche, in un casale immerso nella natura. La sua passione per il piano continua e nel 2016 decide di pubblicare ‘My Piano Dolce Vita’, il primo album in solo in cui ripropone brani famosi che è solita suonare per la sua famiglia. Tra questi, Bach, Chopin, Satie, Philip Glass, Max Richter, Ludovico Einaudi, ma suonati con una sua personale interpretazione. A marzo 2018 pubblica l’EP ‘Other Lines’, un tributo a Piano Day 2018 con quattro brani in piano solo. Ad ottobre dello stesso anno è la volta di ‘Where Night Never Comes’, il primo album da compositrice, supportato dalla campagna Kickstarter, vincitore della categoria ‘Best Modern Classical Album 2018’ by SoloPiano.com (USA) ed inserito nella Classical Top Chart di Reverbanation. In occasione del 50° anniversario dell’allunaggio, Olivia Belli ha composto quattro nuovi brani, presentati in anteprima da KEXP e pubblicati in digitale a giugno 2019. L’ultimo album, ‘River Path’ pubblicato a gennaio 2020 per la 1631 Recordings e distribuito da Decca Publishing, è stato trasmesso in anteprima da BBC 6 Music e KEXP, ottenendo oltre 10 milioni di streaming in meno di due mesi e recensioni da parte di Spolight di Textura.org

‘MATER’ – composto, registrato e masterizzato da Olivia ed Enrico Belli nel loro studio nelle Marche, è basato sui temi tratti dallo Stabat Mater del compositore marchigiano Giovanni Battista Pergolesi. Otto brani per electronics, piano e strings, una meditazione musicale sulle tematiche ambientali. ‘Io e mio marito – da sempre attenti a queste problematiche – dopo aver vissuto in varie metropoli, abbiamo scelto di vivere nell’aperta campagna marchigiana, dove possiamo prenderci cura della nostra terra, seguire ritmi più naturali e uno stile di vita meno invasivo per l’ambiente. La speranza è quella di preservarlo, e di consegnarlo intatto ai nostri figli, e ai figli dei loro figli, affinché anche loro possano continuare a goderne la straordinaria bellezza’ – Olivia Belli

Mater è un disco musica classica, si indirizza teoricamente ad una fascia di pubblico ben preciso, ma ciò non toglie che la bellezza donata dalla bravura di Olivia Belli al pianoforte attraverso una trama arricchita di suoni elettronici non possa essere gradita anche da altri strati di pubblico. Ascoltare per credere, il disco lo dividerei idealmente in due parti, dall’opening Aditus a Mater Dolens sono brani soffici, delicati, malinconi e dolorosamente intensi. Da Countdown alla closing di De Anima i suoni minimali lasciano spazio a un maggiore ritmo con l’introduzione anche di intarsi di archi. Il risultato è un album suonato alla grande che se è sicuramente nelle corde degli amanti della classica, merita l’ascolto da parte di qualunque appassionato di musica.

MAURIZIO DONINI 

Tracklist:

ADITUS:
porta d’ingresso; dalla Madre Terra – cementificata, soffocata, abusata – si leva un lamento
MATER LACRIMANS
la Madre Terra soffre e lacrima
FUMES
un’aria venefica si diffonde; città, fabbriche, incendi… nulla viene risparmiato
EX VOTO
gli uomini di buona volontà chiedono una Grazia; chiedono soprattutto di venire ascoltati.
MATER DOLENS
la Madre Terra è sola, abbandonata, desertificata
COUNTDOWN
un grido d’allarme; forse si può fare ancora retromarcia, ma il tempo sta per scadere
EXITIO
porta d’uscita. La via d’uscita è l’amore per la nostra Madre Terra
DE ANIMA
un omaggio alla vita e alla bellezza della Madre Terra; bellezza che dovremmo adorare e preservare, come una moderna divinità

Credits:
Pubblicazione: 8 maggio 2020
Etichetta: Memory Recordings
Distribuzione: Believe Distribution

0
/10
VOTO

Band:
Olivia Belli – pianoforte

https://oliviabelli.com/
https://www.facebook.com/oliviabelliofficial
https://twitter.com/belli_olivia
https://www.youtube.com/channel/UCWunx82dNTwrDECU-LNAL1w
https://instagram.com/oliviabelliofficial