Now Reading
“ARENA ’60, ’70, ’80” – AMADEUS PER LA PRIMA VOLTA ALL’ARENA DI VERO …

“ARENA ’60, ’70, ’80” – AMADEUS PER LA PRIMA VOLTA ALL’ARENA DI VERO …

Amadeus sempre in grande spolvero e in splendida forma in conferenza stampa per presentare “Arena ‘60/70/80”, trent’anni di Arena di Verona.
Le canzoni iconiche, i tormentoni estivi, quelle hit che hanno segnato trent’anni di musica indimenticabile impresse nella nostra mente e cuore saranno le vere protagoniste il 12 e il 14 settembre di “ARENA ’60 ’70 ’80”, tre serate evento che vedranno il conduttore veronese (di origini siciliane e trapiantato a Milano, come ha voluto precisare) per la prima all’Arena di Verona in veste di conduttore e che a ottobre verranno trasmesse in prima serata su Rai Uno.
Una conferenza stampa all’insegna della fiducia nella ripartenza di spettacolo e musica, categorie messe duramente alla prova dall’emergenza sanitaria di questi 15 mesi. La conferenza stampa “AmaDay” presieduta dallo stesso conduttore e direttore artistico, dal direttore di Rai Uno Stefano Coletta, dal vice direttore Claudio Fasulo e dal Sindaco di Verona, Federico Sboarina.

“Non saranno serate nostalgia ma due serate storiche” – sottolinea il conduttore in conferenza stampa, metà in presenza e per metà in streaming – “Canzoni iconiche con protagonisti che sono amati e rimasti nel cuore, non solo dalla mia generazione ma anche dai ragazzi”. “Amedeo” è uno di noi” sottolinea Gianmarco Mazzi A.D. e Direttore Artistico Arena di Verona. Lo show sarà prodotto da Niccolò Presta, figlio del famoso agente dello spettacolo Lucio. “Non ci saranno canzoni nuove ma canzoni storiche”, dunque ha sottolineato nuovamente il conduttore.
Tanti gli ospiti che si alterneranno sul palco dell’Arena di Verona per tre serate all’insegna della grande musica e del ritorno a magiche atmosfere. Confermati gli Europe, che con la loro “The Final Countdown” (la celebre canzone ha aperto la conferenza stampa, regalando un brivido) hanno segnato un’epoca – come ha detto lo stesso Amadeus – Gazebo, star della disco con brani come “I Like Chopin” e “Masterpiece”, Donatella Rettore amatissima e iconica con “Splendido Splendente” e poi ancora due altrettanto celebri signore della musica italiana come Patty Pravo e Loredana Bertè e la coppia formata da Umberto Tozzi e Raf che con le loro hit hanno fatto ballare intere generazioni. Grandi star, dunque, artisti leggendari, ricordi indelebili ed emozioni vivide incise e stampate a fuoco nella nostra anima e canzoni simbolo di un’epoca irripetibile quale quella dai ’60 ai mitici ’80 che torneranno a riecheggiare in quello che, per la memoria collettiva, è il vero Tempio della Musica, l’Arena di Verona. Una location suggestiva e mitica, simbolica per quelle attese di chiusura estate che per decenni è erano rappresentate dal Festivalbar.
La grande kermesse, le tre serate di settembre, segneranno la prima volta di Amadeus alla conduzione sul palco dell’Arena nella “sua” Verona – il conduttore ha ricordato gli inizi, i suoi inizi radiofonici in quel del Veneto per approdare poi, grazie a Claudio Cecchetto, a Radio DeeJay a Milano. Queste due serate musicali all’insegna dell’allegria, porteranno il pubblico a rivivere 3 decenni emozionanti della musica italiana, tratteggiati sapientemente dai racconti del padrone di casa che faranno da filo conduttore della kermesse.
Tra le tante domande poste da tutti i giornalisti e conduttori presenti, il ritorno di Amadeus anche come Dj, non senza emozione e per Tuttorock, come sarà la prima volta sul celebre palco.
Tante le domande e le curiosità. Per “ARENA ’60 ’70 ‘80” Amadeus tornerà infatti nel suo primissimo ruolo del dj: molte di queste canzoni, infatti, sono le stesse che proponeva nelle serate in discoteca all’inizio della sua carriera e successivamente come speaker e conduttore in radio. Canzoni meravigliose dal forte potere evocativo. Dai tormentoni estivi a brani che hanno vinto i vari Festival di Sanremo e i Festivalbar. Una carriera incredibile quella del conduttore-direttore artistico anche del Festival di Sanremo “Ho condotto due edizioni del Festival di Sanremo molto particolari e se ci saranno le condizioni, sono ben lieto di rifare il Festival e farlo bene, ancora al meglio, grazie anche al supporto della Rai e del Direttore di Rai Uno Stefano Coletta”.
Non ha mancato di ricordare il Festivalbar da lui presentato in varie edizioni insieme ad Alessia Marcuzzi (frasca di divorzio da Mediaset, sarà l’occasione per vederla accanto nelle due serate e magari proprio al Festival di Sanremo 2022); edizioni presentate anche con Federica Panicucci e Simona Ventura. Radio 2 sarà la radio ufficiale delle due serate-evento.

Alessandra Paparelli