LOVEBITES – Intervista alla chitarrista Midori

Ne ho parlato spesso e continuerò a parlare delle Lovebites su queste pagine, quintetto femminile giapponese. Cinque strepitose ragazze, cinque musiciste eccellenti che nel mese di giugno arriveranno per la prima volta in Italia in concerto al Legend Club di Milano. Quale migliore occasione per parlarne? La mia intervista con una delle due chitarriste, Midori.

Ciao e benvenuta su Tuttorock.com. Come stai?
CIAO! Grazie per l’intervista.   Tutti i membri sono impegnati a scrivere canzoni e prepararsi per il tour.

Presenta la band ai nostri lettori e al pubblico italiano, come sono nate le Lovebites?
Io sono Midori, una chitarrista, e le LOVEBITES sono una band heavy metal composta da cinque membri femminili. Ci concentriamo principalmente sul power metal e suoniamo materiale intenso e tecnico che non immagineresti facilmente dal vestito bianco che indossiamo (ride ndr). Molti anni fa, mi è stato chiesto di partecipare alla fondazione di una nuova band che avesse l’ambizione di suonare heavy metal autentico e di esibirsi in tutto il mondo. Ho pensato che fosse molto affascinante. Ho ricevuto la demo di Asami insieme all’invito, e quella è stata la prima volta che l’ho sentita cantare.   Era così potente e ho pensato “Wow, voglio suonare la chitarra accanto a lei!” e…ci sto, eccomi qui.

Chi ha scelto il nome della band e perché? Qual è il suo significato?
Il nome della nostra band deriva dalla canzone “Love Bites (So Do I)” degli Halestorm. Era una delle canzoni che abbiamo suonato insieme in studio poco dopo aver formato la band. Lzzy, la cantante degli Halestorm, è una donna molto potente, e abbiamo chiamato la band LOVEBITES per rispetto nei suoi confronti perché volevamo essere come lei. È stato deciso all’unanimità.

Avendo avuto esperienze in Europa, avendo suonato con i DragonForce e in vari festival, quali sono i tuoi ricordi di quel periodo?
Girare per l’Europa è dura, ma faccio sempre molte esperienze preziose. Il Wacken è stato il nostro primo festival heavy metal all’estero e non dimenticheremo mai l’impatto dell’enorme pubblico che abbiamo visto per la prima volta.   Fino ad allora eravamo sempre state un po’ riservate quando suonavamo in Giappone, ma grazie a quel vasto pubblico siamo uscite dal nostro guscio e quel giorno abbiamo avuto un risveglio. È stato un grande cambiamento per noi come band. Inoltre, è molto interessante sperimentare la vera cultura metal nei festival in Europa, non solo nelle esibizioni ma anche ovunque. Durante il tour con i DragonForce, suonavamo insieme agli spettacoli.   È stato fantastico essere sul palco a cpmbattere con i miei eroi della chitarra. Ho ancora molti altri ricordi.

A giugno suonerete per la prima volta in Italia, cosa state preparando per quell’occasione?
Penso che molti di voi ci vedranno dal vivo per la prima volta, ma stiamo preparando canzoni che il pubblico potrà apprezzare con noi. Mi piacerebbe sentire la voce di tutti allo show!

Dopo “Electric Pentagram” è stato pubblicato il singolo “Golden Destination” e il doppio live e dopo ancora è uscito il nuovo EP “Glory, Glory, To The World” e poi “Judgment Day”, siete molto attive. State già scrivendo nuove canzoni?
In realtà, abbiamo iniziato a scrivere canzoni quando abbiamo pubblicato “Judgment Day” e abbiamo finito gli spettacoli di resurrezione “WE ARE THE RESURRECTION”.   Abbiamo dovuto fare una pausa per un po’ a causa del tour successivo dell’album. Stiamo lavorando duro affinché la gente possa ascoltarlo presto.

Perché il “Judgemetn Day”, è arrivato il giorno del giudizio?
Dopo l’uscita di “Glory, Glory, To The World”, una dei membri originali, la bassista Miho, lasciò la band. Aveva scritto molti buoni riff per la band ed era nota per essere esperta di heavy metal.   Sentivamo le preoccupazioni dei fan riguardo al futuro della band ed era comprensibile. Ma noi quattro ci siamo dedicate con sincerità anche all’heavy metal. Avevamo bisogno di dimostrare a noi stesse che suoniamo heavy metal e abbiamo passione per l’heavy metal più che mai.   “Judgment Day” è un album creato con sentimenti così forti. Anche la nostra nuova bassista Fami ha fatto un ottimo lavoro. Sei tu che ascolti l’album e vieni ai nostri spettacoli per giudicare se stiamo facendo heavy metal con coerenza. Confidiamo che il nostro pensiero e la nostra determinazione siano stati trasmessi.

Una domanda prettamente chitarristica, due chitarriste nella band, tu Midori e Miyako, ottime chitarriste e vi faccio i miei complimenti. Quali sono i vostri chitarristi preferiti e come dividete le parti di chitarra per creare riff e assoli’
Grazie per le gentili parole. I miei più grandi eroi della chitarra sono Kiko Loureiro (ex Megadeth, ex Angra) e Nuno Bettencourt (Extreme). Ci sono molti altri chitarristi che mi hanno influenzato, come Yngwie Malmsteen, Alexi Laiho e George Lynch. Per quanto riguarda le mie parti di chitarra e quelle di Miyako, non penso che ci sia qualcosa in particolare che sia musicalmente definito da suonare, eccetto gli assoli. Fondamentalmente, i riff sono unisoni e armonie, che creano un muro sonoro. Negli assoli di chitarra, eseguo frasi più veloci e aggressive e Miyako i più emozionanti, ma recentemente non ci soffermiamo su questo.   Suoniamo entrambi velocemente e, a seconda della canzone, potrei suonare un assolo emozionante.  Tuttavia preferiamo scale diverse e tendo a creare assoli d’avanguardia fuori scala.

Durante il lockdown in Giappone avete suonato dal vivo ma in streaming, ma non c’era calore da parte del pubblico. Cosa ne pensi?
Quel concerto online è stato qualcosa di totalmente diverso, non è vero? Interagiamo sempre con il pubblico nelle nostre esibizioni dal vivo, ma a quel tempo i membri suonavano in cerchio ed enfatizzavano il dialogo tra loro, e il pubblico lo guardava. Quindi c’era un senso unico di tensione, ma c’era meno la sensazione che ci stessimo esibendo dal vivo. Era diverso.

Sai qualcosa della musica italiana?
Quando penso all’Italia, penso all’opera… ma non so molto su quali canzoni provengano. Le mie scuse. “Turandot” è una canzone italiana, no?    La sento spesso nel pattinaggio artistico, quindi mi ha lasciato una grande impressione. Per quanto riguarda l’heavy metal italiano, mi piace ascoltare Rhapsody Of Fire, DGM, Fleshgod Apocalypse, ecc. Fabio Lione, l’attuale membro degli Angra, ha cantato magnificamente il tenore e il canto operistico in diverse canzoni, vero?

Si hai indovinato, la Turandot è di Giacomo Puccini e di Fabio Lione diciamo che ha un’impostazione vocale che potrebbe anche. Tanta energia, dove trovi tutta questa energia che esprimi nella musica?
Nel mio caso, penso che la ragione fondamentale sia che mi piace davvero suonare la chitarra. E il desiderio di esprimere la musica con il suono?    Se qualcosa mi colpisce nella mia vita quotidiana, cerco di non dimenticare quella sensazione.

Da dove nasce l’amore per l’heavy metal?
Mi chiedo da dove viene? (Ride, ndr) Sento davvero energia quando ascolto l’heavy metal e mi piace. L’heavy metal è musica intensa, quindi che sia veloce o lenta, sento che l’emozione è amplificata. Questo cattura il mio cuore. E sai che a volte quando ascolti l’heavy metal è così bello che ti fa ridere? Shredding tremendo e doppia cassa, note alte…Molte performance che perseguono i limiti della natura umana. È il migliore.

Chiudi l’intervista come vuoi, un messaggio al pubblico italiano e cosa dirai appena salirai sul palco del concerto in Italia.
Non vedo davvero l’ora di suonare davanti ai nostri fan italiani per la prima volta.    Personalmente penso che gli italiani siano persone appassionate. Creiamo insieme uno spazio appassionato!

 FABIO LOFFREDO

** ENGLISH VERSION **

Hello and welcome to Tuttorock.com. How are you?
 CIAO!! Thank you for the interview.  All members are busy with writing songs and preparing for the tour.

Introduce yourself to our readers and the Italian public, how were Lovebites born?
I am Midori, a guitarist, and LOVEBITES is a heavy metal band consisting of five female members.  We mainly focus on power metal, and play some intense and technical stuff that you wouldn’t easily imagine from the white dress we wear (laughs). Many years ago, I was asked to get in on the foundation of the new band that carries ambitions of playing authentic heavy metal and performing worldwide.  I thought it was very fascinating.  I received Asami’s demo along with the invitation, and that was the first time I heard her singing.  It was so powerful and I was like  “Wow, I want to play guitar next to her!” and…I’m in.

Who chose the name of the band and why? What is its meaning?
Our band name comes from the song “Love Bites (So Do I)” by Halestorm.  It was one of the songs we played together in the studio shortly after we formed the band. Lzzy, the vocalist of Halestorm, is a very powerful woman, and we named the band LOVEBITES out of respect for her, because we wanted to be like her.  It was decided unanimously.

Having had experiences in Europe, having played with DragonForce and in various festivals, what are your memories of that period?
Touring Europe is tough, but I always get a lot of valuable experience.  Wacken was our first heavy metal festival abroad, and we will never forget the impact of the huge crowd we saw for the first time.  Until then, we had always been somewhat reserved when we played in Japan, but thanks to that huge audience, we came out of our shell and had an awakening that day.  It was a big change for us as a band. Besides, it’s very interesting to experience the real metal culture at festivals in Europe, not only in the performances but also everywhere. On tour with DragonForce, we jammed together at the shows.  It was great to be on stage battling with my guitar heroes.  I still have many more memories.

In June you will play for the first time in Italy, what are you preparing for that occasion?
I think most of you will be seeing us live for the first time, but we are preparing songs that the audience can enjoy with us.  I would love to hear everyone’s voice at the show!

After Electric Pentagram released the single “Golden Destination” and the double live and now the new EP Glory, Glory, To The World and then Judgement Day have been released, you are very active. You are already writing new songs ?
Actually, we started writing songs around we released Judgement Day and finished the resurrection shows “WE ARE THE RESURRECTION”.  We had to pause for a while because of the album tour after that. We’re working hard so that people will be able to listen to it soon.

Why “Judgement Day”, has judgment day arrived?
After the release of Glory, Glory, To The World, one of the original members, bassist Miho, left the band.  She had written many good riffs for the band and was known to be well versed in heavy metal.  We hear the fan’s concerns about the band’s future and they are understandable.  But the four of us have also devoted ourselves to heavy metal with sincerity as well.  We needed to prove ourselves that we play heavy metal and we have passion in heavy metal more than ever.  Judgement Day is an album created with such strong feelings.  Our new bassist Fami did a great job too.  It is you who listen to the album and come to our shows to judge whether we are doing heavy metal with consistency. We trust that our thoughts and determination have been conveyed.

A question for you two guitarists, Midori and Miyako, excellent guitarists to whom I congratulate. Who are their favorite guitarists and how they divide guitar parts for performances, riffs and solos.
Thank you for your kind words.  My biggest guitar heroes would be Kiko Loureiro (ex-Megadeth, ex-Angra) and Nuno Bettencourt (Extreme).  There are many other guitarists who have influenced me, such as Yngwie Malmsteen, Alexi Laiho, and George Lynch. As for Miyako’s and my guitar parts, I don’t think there is anything in particular that is musically defined to be played except for the solos.  Basically, the riffs are unisons and harmonies, creating a wall of sound.  In guitar solos, I used to make faster and more aggressive phrases and Miyako used to make more emotional phrases, but recently we are not dwelling on that.  We both play fast, and depending on the song, I may play an emotional solo.  However, we prefer different scales, and I tend to create avant-garde solos that are out of scale.

During the lockdown in Japan you played live but in streaming, but there was no warmth from the audience. What do you think?
That online concert was something totally different, wasn’t it?  We always interact with the audience in our live performances, but at that time, the members played in a circle and emphasized dialogue with each other, and the audience watched it.  So there was a unique sense of tension, but there was less of a sense that we were performing live. It was different.

Do you know anything about Italian music?
When I think of Italy, I think of opera… but I don’t know much about which songs are from Iy.  My apologies.  “Turandot” is an Italian song, isn’t it?  I hear it a lot in figure skating, so that’s left a big impression on me.  As to Italian heavy metal, I like listening to Rhapsody of Fire, DGM, Fleshgod Apocalypse, etc.  Fabio Lione, the current Angra member, has sung tenor beautifully with operatic singing in several songs, hasn’t he?

Yes, you guessed it, Turandot is by Giacomo Puccini and Fabio Lione, let’s say it has a vocal setting that could also.Lots of energy, where do you find all this energy that you express in music?
In my case, I think the fundamental reason is that I genuinely like playing the guitar.  And the desire to express the music with sound?  If something strikes me in my daily life, I try not to forget that feeling.

Where does your love for heavy metal come from?
I wonder where it comes from? (Laughter)  I genuinely feel energy when I listen to heavy metal, and I like it.  Heavy metal is intense music, so whether it’s fast or slow, I feel the emotion is amplified.  That captures my heart.  And you know how sometimes when you listen to heavy metal, it’s so great that it makes laugh?  Tremendous shredding and double bass drum, high notes…Many performances pursuing the limits of the human nature.  It’s the best.

Close the interview as you want, a message to the Italian public and what you will say as soon as you go on stage at the concert in Italy.
I’m really looking forward to playing in front of our Italian fans for the first time.  I personally think Italians are passionate people.  Let’s create a passionate space together!

FABIO LOFFREDO