Now Reading
jono – intervista a johan norrby e nicka hellenberg per parlare di “silence”

jono – intervista a johan norrby e nicka hellenberg per parlare di “silence”

Arrivano dalla Svezia gli Jono, sono una band nata da poco ed ha all’attivo due otti laovir, “Requiem” e “Silence”, uscito da pochissimo. Il loro sound è molto vicino ai Queen degli anni settanta, ma arricchiscono il tutto con influenze prog, AOR e hard rock. Ne abbiamo parlato con Johan Norrby e Nicka Hellenberg, rispettivamente cantante e batterista  della band.
 
Complimenti per “Silence”, un piccolo passo in avanti rispetto a “Requiem”, già perfetto. Come avete creato i brani?
NICKA HELLENBERG: Grazie per i complimenti, i brani sono stati registrati durante le sessions di “Requiem” e alcune dopo, abbiamo poi deciso di suonare tutti i nuovi brani dal vivo, non solo in studio, ma anche con il pubblico, prima di registrarlo definitivamente, che ci ha permesso di conoscere gni brano molto bene pria di passare alla versione ufficiale.
 
Il processo compositivo è stato diverso rispetto a “Requiem”?
NICKA HELLENBERG: Non proprio, è Johan Norrby che scrive le canzoni, ognuno di noi porta delle idee e Johan ha già una visione di ciò che vuole. Poi la band aggiunge idee, suggerimenti per raggiungere il risultato finale. E’ una specie di progresso dinamico.
 
Dove trovate l’ispirazione per scrivere brani molto fantasiosi?
JOHAN NORRBY: Compongo canzoni sempre,in ogni momento, sono un ragazzo emotivo. Si tratta di vita intorno a me, davvero!
 
Quali sono le differenze tra “Requiem” e “Silence”?
NICKA HELLENBERG: “Silence” è molto più semplice di “Requiem”, è più scorrevole, anche se c’è sempre dinamica e finezza. Personalmente sento che gli arrangiamenti so un bel passo in avanti . I brani sembrano avere più spessore forse proprio perché i abbiamo provati prima dal vivo.
JOHAN NORRBY: Ho avuto molto più ispirazione a scrivere i brani questa volta.
 
Cosa mi dite dei testi? E’ un concept album?
JOHAN NORRBY: No, non lo è. E’ più un’espressione di emozioni. Scrivo quello che sento e quello che vedo. E’ un’espressione dell’umanità in tutte le sue forme.
 
C’è qualche brano che preferite più di un altro?
NICKA HELLENBERG & JOHAN NORRBY: Oh è difficile dirlo!! E’ una domanda difficilissima!! Nessuno di noi avrà lo stesso brano preferito. Oggi potrebbe essere uno e domani l’altro, perché, sicuramente sembrerà banale, amiamo ascoltare e suonare tutti i brani.
 
Il vostro sound è influenzato da gruppi come Queen, Styx, Saga. Sono realmente queste le vostre influenze musicali?
NICKA HELLENBERG: Si e no! Ognuno di noi ha gusti diversi, ascoltiamo vari gruppi, influenze che vanno a finire tutte sul sound degli Jono. Veniamo tutti da un background diverso, abbiamo idee diverse e cerchiamo di prendere le migliori, mescolarle e creare il sound degli Jono.
JOHAN NORRBY: Come cantante e compositore ho cercato di trovare una mia espressione particolare, poi ci sono logicamente molti artisti che amo. Nella mia formazione musicale non posso negare di essere stato influenzato da Freddie Mercury e dai Queen, così come da Steve Walsh e i Kansas , Ronnie James Dio, Jouney e Sparks. Sono tutti grande artisti che sicuramente mi hanno ispirato.
 
State già promovendo “Silence” con delle date dal vivo. Come stanno andando?
NICKA HELLENBERG: Abbiamo fatto un paio di festival e delle date in Svezia quest’estate. E’ stata un’esperienza veramente fantastica.
 
Avete in programma qualche data italiana?
NICKA HELLENBERG & JOHAN NORRBY: Lo speriamo davvero. Al momento però non è prevista nessuna data, ma ci piacerebbe moltissimo suonare in Italia ed in altri Paesi. Sinceramente ora stiamo cercando di farci conoscere il più possibile.
 
Il disegno di copertina è molto bello, chi è l’autore?
Grazie, piace molto anche a noi. Si chiama Johan Carlgren, un tastierista di grande talento ed anche un direttore artistico e la copertina dimostra tutto questo talento.
 
Una definizione del vostro genere musicale?
NICKA HELLENBERG & JOHAN NORRBY: E’ difficile da dire. Noi puntiamo su ogni genere musicale e cerchiamo di suonare quello che ci piace. Ma ti posso dire che probabilmente è rock con ingredienti sinfonici, melodie d’archi e sonorità più roboanti. Alcuni lo chiamano pomp rock, altri AOR sinfonico, sicuramente è musica ricercata.
 
Una piccola recensione di “Requiem” e di “Silence”.
NICKA HELLENBERG & JOHAN NORRBY: E’ molto difficile per noi, ma amo le sfide e brevemente posso dirti che amiamo entrambi gli album, ma nel complesso riteniamo che “Silence” ha una produzione migliore (Stefan Helleblad ha fatto un lavoro fantastico), una migliore registrazione e con brani forse più forti. Le canzoni di “Silence” sono più accattivanti, hanno toni più cupi e colorati allo stesso tempo. Per noi sono entrambi due ottimi lavori.
 
Chiudete l’intervista come volete, per i nostri lettori e per i vostri fans, un invito ad ascoltare “Silence”.
JOHAN NORRBY: Grazie a voi di Tuttorock per l’interesse nei nostri confronti, ai vostri lettori che leggeranno quest’intervista. Naturalmente ci auguriamo che le nostre strade si incroceranno in futuro. Ci piacerebbe suonare di fronte ad un entusiasta pubblico italiano.
NICKA HELLENBERG: … e bere un vostro caffè espresso, il migliore al mondo, senza ombra di dubbio.

FABIO LOFFREDO
 
Members:
Johan Norrby: Voce, chitarra, tastiere e cori
Johan Carlgren: Pianoforte, tastiere e cori
Stefan Helleblad – Chitarra e cori
Nicka Hellenberg – Batteria e percussioni
Janne Henriksson – Basso e cori
 
http://www.jonotheband.se
https://www.facebook.com/jonotheband/
https://twitter.com/JONOTHEBAND