Now Reading
EVANESCENCE – Intervista (in conferenza stampa) alla cantante Amy Lee e al chitarrista Troy McLawhorn

EVANESCENCE – Intervista (in conferenza stampa) alla cantante Amy Lee e al chitarrista Troy McLawhorn

Il nuovo album “The Bitter Truth” continua a ricevere ottimi consensi, segno che gli Evanescence dopo un lungo periodo fi fermo, sono tornati con ottime idee e con il loro inconfondibile sound. In conferenza stampa ne abbiamo parlato con Amy Lee e con Troy McLawhorn.

“The Bitter Truth” è il primo album di inediti dopo “Evanescence” del 2011. Tanto tempo, perché la decisione di tornare oggi in piena pandemia?
Amy Lee: Per lavorare bene non faccio mai progetti e piani, quindi ci metto tutta me stessa e metto tutta la mia passione e il mio amore per la musica e dò tutta me stessa. Ho avuto un figlio nel 2014, Jack, ed è semplicemente la cosa più meravigliosa e felice della mia vita. Ci divertiamo molto insieme. Adesso ha 6 anni e mi tiene sulle spine. Ma quel tempo lontano ha sicuramente fatto sì che avessimo molto più fuoco ed energia per “The Bitter Truth”. Sul lavoro che ho svolto negli ultimi anni con gli Evanescence, cercando di ramificarlo con altri progetti, penso sia bello trovare strade diverse. Negli ultimi cinque anni abbiamo fatto uscire “Synthesis” andando in tournée con un’orchestra per la prima volta. Adoro tutte le cose interessanti fatte della lista dei miei desideri. È davvero bello essere qui oggi dopo tanto tempo. Abbiamo appena trascorso il 18° anniversario di “Fallen”. È incredibile e sono davvero orgogliosa di essere ancora qui.

Cosa o chi ti ha ispirata durante il processo di scrittura di “The Bitter Truth”?
Amy Lee: Ascolto tutti i tipi di musica. Se devo essere completamente onesta, non ascolto molto rock. Non è che non mi piaccia. Ma i miei gusti sono dappertutto. Amo davvero il buon pop, come il buon pop oscuro. Quindi, anche Billie Eilish, il suo stile è molto oscuro, quello che amo davvero di lei è proprio la sua autenticità. È solo completamente sè stessa. Vedo molte cose in lei che mi ricordano me stessa, specialmente quando ero più giovane. Mi ispiro a tutti i tipi di sonorità.  Sono stata davvero ispirata per la prima volta da una sopravvissuta a un’aggressione sessuale di nome Chanel Miller, in questo lungo processo giudiziario che è stato degradante e incasinato. Alla fine, si è semplicemente alzata in piedi e ha detto la verità su quello che le è successo e su come si è sentita e qual è stata la sua esperienza. Era così potente. Anche io sto cercando di essere me stessa senza farmi altri problemi.

Cosa ha ispirato gli Evanescence a ridare volume al distorsore e tornare alle chitarre heavy?
Amy Lee: Si trattava solo di lasciare che la musica si riaccendesse e di non avere un grande piano. Venendo da “Synthesis”, sapevamo che il passo successivo sarebbe stato un ritorno al sound più heavy. L’influenza classica ha sempre fatto parte totale della band e lo è sempre stata, ma sapevo che avremmo voluto cambiare le carte in tavola per questo album quando sarebbe uscito e far brillare davvero la band. Questa formazione, questa volta e quest’era, volevamo mostrare chi siamo come band.

Quanto la pandemia ha influenzato la fase di scrittura’
Troy McLawhorn: Prima dell’arrivo della pandemia avevamo registrato quattro canzonie avevamo in programma di fare un tour in Europa e uno show in Giappone. Ma tutto è stato sospeso. Dopo alcuni mesi abbiamo trovato il modo per riunirci ma è stato davvero difficile, la pandemia ha cambiato il nostro modo di lavorare, non potendo trovarci quando volevamo, ed è stata una grande sfida. Tim McCord si è dovuto trasferire insieme alla sua famiglia dalla California a Nashville per finire l’album. Jen Majura non ha potuto essere presente per la maggior parte della realizzazione del disco, tranne che durante la registrazione delle prime quattro canzoni. Dovevamo mandarle le sue parti e lei doveva farle da sola, fondamentalmente, e sono sicuro che sia stato molto difficile anche per lei”.

 Gli Evanescence attraggono ancora giovani fan, anche a distanza di venti anni! Quale è il segreto?
Amy Lee: Forse è perché sono una specie di ragazzina! (ride nda)

Come ti ha cambiato la maternità? E dopo l’ultimo anno di lockdown, hai avuto più possibilità di connetterti con la tua vita domestica?
Amy Lee: Lui, Jack, il mio piccolo sogna solo i giorni in cui è riuscito a dormire in una culletta e ad andare in tour con la band! I bambini si svegliano molto presto, quindi la nostra troupe usciva con lui, gli faceva indossare il gilet da cantiere e poi di notte poteva guardare sua madre sul palco. È stato uno spasso. Visitare luoghi come il Regno Unito, Parigi e assaggiare cibi provenienti da tutto il mondo. Sono molto orgogliosa che mio figlio si vanti di mangiare lumache e caviale! Ahahah! Ma ci sono cose che posso guardare e apprezzare, di sicuro. Ha sicuramente messo molte cose in prospettiva. Poco prima che le cose si fermassero, stavamo per partire per un tour e Jack aveva appena iniziato ad andare a scuola. Non vedevo l’ora che iniziasse il tour, ma stare lontano da lui è sempre molto difficile. Quindi il lato positivo delle cose che sono state posticipate era che potevo togliere quel peso dal mio cuore e passare più tempo con lui. Un cosa triste è che ho perso mio fratello nel 2018, il mio fratellino, io ho dodici anni in più di lui, ma abbiamo sempre avuto un bel feeling e molto cose in comune.

Nonostante il titolo, “The Bitter Truth”, l’album suona in realtà molto ottimista. Molto provocatorio. È questo il messaggio che hai cercato di trasmettere?
Amy Lee: La musica è il mio posto per guarire, e la guarigione per me viene dall’eliminazione. C’è molta sfida e lotta in questo album. Quando lo ascolto, mi sento potenziata. Il che è interessante perché non mi sveglio solo con quella sensazione. C’è una lotta. Ma avere la musica come sfogo è sempre stata una parte importante della mia vita. La musica è la mia casa dove posso stendere tutto, parlarne e di solito arrivare a un buon punto alla fine. Provare la soddisfazione di accettare le sfide, i dolori e le loLtte e usare la musica per trasformarla in qualcosa di buono. L’amara verità significa affrontare le cose che non vogliamo necessariamente affrontare, perché l’unica via d’uscita.

Qual è la verità più amara, “The Bitter Truth”?
Amy Lee: Voglio dire, posso dirlo in un modo molto triste e drammatico. Moriremo tutti. Un modo più semplice per dirlo è che penso che il nostro tempo sia breve. Sto arrivando in momento dove questo non mi rende sempre triste. A volte lo fa, ma riconoscerlo mi sta dando un nuovo senso di “cogli l’attimo”. Non perdiamo un minuto. Soprattutto attraverso tutto l’incredibile caos di questa pandemia. Non sappiamo cosa accadrà domani, quindi sento che la cosa migliore che possiamo fare è apprezzare che il tempo è prezioso e fare del nostro meglio per non sprecarlo. Non solo lavorare come matti, ma goditi la vita e trascorri del tempo facendo le cose che ami.

Rispetto a quando sei entrata per la prima volta nel mainstream, come percepisci l’industria musicale oggi?
Amy Lee: È piuttosto diversa, ma anch’io sono in un posto piuttosto diverso. È stata una lotta per arrivare dove siamo dal punto di vista degli affari, ma finalmente sono in un posto in cui non sono preoccupata per questo. Solo non dovermi preoccupare di lottare per la mia arte o di dimostrare alla gente che posso davvero scrivere le mie canzoni. Siamo finalmente in questo posto fantastico dove siamo circondati da un vero supporto e da persone che credono in noi. Rende tutto molto meglio.

Lzzy Hale [Halestorm], Taylor Momsen [The Pretty Reckless] e Sharon Adel [Within Temptation] sono presenti nel nuovo album. Tutte donne di spicco nel mondo del rock. Quanto ti è piaciuto?
Amy Lee: Amo ascoltare le voci femminili nella musica, l’ho sempre fatto. Non è che non ascolto anche i ragazzi. Chino [Moreno] dei Deftones è uno dei miei cantanti preferiti. Così era Chris Cornell. Anche Maynard [James Keenan, Tool]. Ma quando si tratta della maggior parte di ciò che ascolto, adoro le voci femminili in tutti i generi musicali. Mi fanno sentire bene e persone come Lzzy e Taylor e tutte le donne con cui ho avuto il piacere di esibirmi, è così bello supportarsi a vicenda. Una sorta di club speciale in cui ci occupiamo tutti di sollevarci a vicenda. Il che è divertente, perché in passato c’era una sorta di stereotipo secondo cui le donne avrebbero combattuto tra loro, sarebbero state gelose o che poteva essercene solo una. Per me non potrebbe essere più il contrario! Abbiamo anche un’altra donna nella nostra band ora. Avere Jen [Majura, la chitarrista] nella band è fantastico.

Se tutto va bene, sarete in tournée alla fine dell’anno. Cosa pensi che riservi il futuro degli Evanescence oltre a questo?
Amy Lee: Non so fino a quando fare un altro album, ma sono davvero di mentalità aperta alla musica e ai diversi modi di fare musica. Non credo che ci debba essere un grande impegno come una volta. In questo momento, sono davvero entusiasta degli Evanescence e del nuovo album. È un peccato che non possiamo essere in tour in questo momento e non vedo l’ora di rivedere tutti i nostri fan!

FABIO LOFFREDO

Band:
Amy Lee: Voce, pianoforte, tastiere e programmazione
Jen Majura: Chitarra e cori
Troy McLawhorn: chitarra
Tim McCord: Basso
Will Hunt: Batteria

https://www.evanescence.com/home/
https://www.facebook.com/Evanescence
https://twitter.com/evanescence
https://www.instagram.com/evanescenceofficial/