Now Reading
WHITESNAKE – Tripla intervista a David Coverdale, Joel Hoekstra e Michele Luppi

WHITESNAKE – Tripla intervista a David Coverdale, Joel Hoekstra e Michele Luppi

whitesnake

Whitesnake = La Storia dell’Hard Rock. David Coverdale tiene ancora in vita la band da lui creata dopo lo scioglimento dei Deep Purple e “Flesh & Blood” è il nuovo album, una specie di riassunto di più di 40 anni di Whitesnake. Un’intervista un pò particolare perchè ho voluto coinvolgere anche i due nuovi entrati, Joel Hoekstra e Michele Luppi ed ovviamente David Coverdale. Ciò che emerge è l’amalgama speciale che tiene uniti tutti i membri della band che continuerà ad essere una della band sempre in primo piano del mondo dell’hard rock. Ciò che segue è il resoconto dell’intervista al creatore della band e ai suoi due membri più recenti.


DAVID COVERDALE

Ciao David e benvenuto tra le pagine di Tuttorock.net. Per noi è un vero onore intervistarti. Finalmente un nuovo album dei Whitesnake, “Flesh & Blood”. Perché hai aspettato 8 anni per pubblicare un nuovo album?
Non ho mai avuto fretta, ad essere onesto Ho creato e scritto nuove canzoni per quasi 50 anni … Non ci ho mai pensato molto dato che sono piuttosto impegnato con “tutto ciò che è Whitesnake” e che occupa il mio tempo. Quindi, quando la Frontiers mi ha chiesto se ero interessato a realizzare un nuovo album di materiale originale, ne ho discusso prima con mia moglie, dato che dopo il mio tour del 2016 le mie ginocchia sono diventate troppo dolorose per descriverlo, assolutamente necessario per me fare interventi di sostituzione del ginocchio dopo 10 anni di artrite degenerativa e questo era il piano per il 2017 . Pensavo quindi che sarebbe stato bene per me distogliere la mia mente dal recupero, poi, ovviamente, ho chiamato Reb (Beach, nda) e Joel (Hoekstra, nda) per discutere con loro se volevano venire nel mio studio comporre nuovi brani insieme … il resto è ‘Storia dei serpenti”. Abbiamo fatto un album da sballo !! Ah ah !!

Come è stato il processo compositivo? Come sono nati i brani?
Relativamente senza sforzo, sono musicisti eccezionali e solidi amici che si rispettano a vicenda … Molto facile lavorare con loro. Ormai io e loro conosciamo bene ciò che vogliamo dai Whitesnake e ciò che nasce è accettabile nella storia della band. Quindi, per me scrivere con qualcuno è fondamentalmente una ‘conversazione’ … ma, invece di parlare, ci sediamo uno di fronte all’altro con chitarre acustiche e idee e iniziamo jammare, ad improvvisare. Era molto chiaro che avevamo subito una forte connessione musicale, poi prendo le idee musicali e inizio a trasformarle in “canzoni” aggiungendo idee per i testi, melodie in cima ai riff e alle sequenze di accordi. Noi tre abbiamo lavorato eccezionalmente bene l’uno con l’altro, non ci sono dubbi.

Quali sono le differenze tra “Forevermore” e “Flesh & Blood”?
Non faccio confronti, scusami, lascio che la musica parli. ‘Forevermore’ è un album di canzoni forti, uno dei miei preferiti e ‘Flesh & Blood’ è anche un album di canzoni molto, molto forti, ma, lascio i ‘paragoni’ a te. Sono comunque molto contento di entrambi gli album come artista.

Io penso che “Flesh & Blood” è un riassunto di tutta la storia dei Whitesnake, dagli esordi più blues, al periodo anni 80 e al sound più epico di “Forevermore”. La pensi come me?
Si, sono d’accordo e così molti fan che interagiscono con me sui social media. L’importante è che l’artista sia soddisfatto del lavoro prima di presentarlo alle persone che lo supportano. Siamo entusiasti che l’album sia stato così incredibilmente ben accolto e di successo su così tanti livelli.

Reb Beach e Joel Hoekstra hanno fatto un gran bel lavoro con le chitarre, hanno avuto il loro spazio anche nella composizione dei brani?
Certo, non solo sono membri accreditati della band, ma ora sono i miei co-sceneggiatori  e anche i coproduttori . Sono stati coinvolti in tutti gli aspetti dell’album. Un vero piacere lavorare insieme a loro .

Frontiers Records e Michele Luppi, c’è una parte d’Italia ormai nei Whitesnake?
Sì! Una profonda connessione Heart & Soul … Passione!! … Romance!!

Quali sono i brani che più rappresentano i Whitesnake del presente e del futuro?
Tutti gli elementi dell’album sono rappresentativi di chi e cosa sia Whitesnake. Come potrebbe essere qualcos’altro?

Dopo “The Purple Album”, ci sarà possibilità di rivedere i Deep Purple Mark III?
Improbabile, la perdita di Jon Lord è immensae  in ogni modo Glenn Hughes è molto impegnato con la sua carriera da solista, Ritchie Blsckmore è anche lui impegnato con i Blackmore’s Night e i Rainbow e i Whitesnake è la mia occupazione a tempo pieno.

Tempo fa in un’intervista avevi dichiarato che c’era la possibilità di un nuovo album con Jimmy Page, è vero?
Adoro Jimmy, adoro lavorare insieme a lui. So che c’è una discussione su un box set con un remix dell’album e alcune canzoni inedite. Non penso che Jimmy e io abbiamo il tempo di fare un nuovo album completo, ma sono totalmente aperto a scrivere alcune nuove canzoni se facciamo qualcosa di speciale con ‘Coverdale Page’. È stato un tale onore lavorare con lui e diventare amici.

I Whitesnake hanno oramai 40 anni di storia e una lunga discografia, come scegli il setlist dei concerti?
È molto, molto difficile,  ci sono nuove canzoni che tutti vogliamo suonare ovviamente e ci sono grandi successi che molte persone vogliono comprensibilmente ascoltare. Questo tour del 2019 comprende 5 nuove canzoni da “Flesh & Blood”, i nostri successi davvero importanti dell’album “1987” e stiamo anche celebrando il 35 ° anniversario di” Slide It In “. La band è coinvolta nel prendere le decisioni su ciò che suoniamo.

Cosa pensi del nuovo interesse che gira intorno alla rinascita del vinile?
Perchè no? E’ uno dei migliori supporti per ascoltare musica.

Cosa pensi del mondo del metal e dell’hard rock attuale? Ci sono artisti che ammiri?
Adoro le nuove band che stanno abbracciando il meglio del rock blues di fine anni ’60 e ’70, ma dando loro un tocco moderno mettendo la loro personalità fresca sul rock di qualità.

Il futuro dei Whitesnake?
Mi occupo solo del presente, il loro saggio diventa troppo travolgente, l’idea di base è di continuare a girare per il 2020 con l’album “Flesh & Blood” .

Qualche parola sui testi.
Sono sempre personali, legati all’esperienza o all’osservazione della persona. Fondamentalmente, scrivere testi è il mio diario … Ah ah !! … Io non faccio nomi … Ah ah !!

Chiudi l’intervista come vuoi per i tuoi tanti fans italiani e i nostri lettori e grazie per il tempo che ci hai concesso, un vero onore per noi.
Grazie Mille (lo dice in italiano, nda) per tutto l’incredibile, incredibile supporto che i nostri fan italiani continuano a darci !! Di recente abbiamo suonato a Milano e la serata è stata indimenticabile … Solo un bellissimo ricordo… meraviglioso.

JOEL HOEKSTRA

Ciao Joel e benvenuto tra le pagine di Tuttorock.net. Quattro anni di Whitesnake, cosa ci puoi raccontare di questo periodo?
In realtà sono passati quasi 5 anni ormai. Il tempo vola. Sono stato benedetto di farne parte. Molti grandi spettacoli, lunghi tour, 2 album in studio e anche un disco dal vivo. È un gruppo meraviglioso di ragazzi e ne sono veramente felice.

Hai sostituito Doug Aldridge alla chitarra, un lavoro duro, ma sei riuscito perfettamente a dare un grande contributo ai Whitesnake, cosa pensi di lui come chitarrista?
Doug è un chitarrista fantastico. È sempre stato molto gentile anche con me. Un professionista totale. E’ un vero onore per me averlo conosciuto.

Cosa significa per te fare parte di una band come quella dei Whitesnake?
Non ho altro che gratitudine di far parte di una hard rock band leggendaria. Molti musicisti non hanno l’opportunità di vivere queste meravigliose esperienze.

Come è essere il chitarrista di David Coverdale?
David è il sovrano del rock. Posso solo essergli grato per quanto è buono con me e spero di imparare da lui ancora molto.

Quale album preferisci dei Deep Purple con Coverdale e dei Whitesnake?
Mi piace tutto ciò che riguarda il mondo dei Deep Purple e dei Whitesnake.

Cosa ricordi del periodo Night Ranger e Trans-Siberian Orchestra?
Ho trascorso ben 7 anni con i Night Ranger. Ancora una volta tanti concerti, 2 album in studio e un album acustico dal vivo. Ad oggi, sono ancora un membro attivo dei Trans-Siberian Orchestra.

Sei figlio di insegnanti di musica classica e hai iniziando suonando violoncello e pianoforte, come è nato l’amore per la chitarra?
Si, quando sento gli AC / DC penso che Angus Young sia la persona più bella del mondo.

Dopo “Dying To Live”, hai in programma un nuovo album da solista?
Sì, tutte le canzoni sono state già scritte. Vinny Appice ha completato le parti di batteria e Tony Franklin ha completato quelle di basso. Sto solo aspettando che Russell Allen registri le parti vocali.

Quali sono i chitarristi che ti hanno influenzato di più?
Troppi per nominarli tutti qui.

Cosa pensi di “Flesh & Blood”?
Penso che ci sia un’influenza da ogni epoca precedente dei Whitesnake, specialmente se acquisti l’edizione deluxe.

Hai contribuito alle composizioni dei brani?
Sì, ho scritto 7 canzoni se includi quella dell’edizione deluxe.

Come dividi i riff e gli assoli di chitarra con Reb Beach?
Reb sceglie ciò su cui vuole suonare e io faccio il resto. È davvero una sua scelta.

Finisci l’intervista come vuoi per i tuoi fan italiani e i nostri lettori.
Grazie per il supporto e per avermi permesso di vivere il mio sogno!

MICHELE LUPPI

Ciao Michele e benvenuto tra le pagine di Tuttorock.net. Quattro anni di Whitesnake, cosa ci puoi raccontare di questo periodo?
Ciao! Guarda ne avrei talmente tante da raccontare… Mi limito a dire che l’esperienza di arrivare a suonare con uno dei gruppi che più mi ha influenzato è stata prima di tutta formativa. Ho avuto molte risposte a miei dilemmi (musicali e non) che solo chi vive veramente in una realtà del genere può arrivare a comprendere a fondo; c’è da pedalare ma la soddisfazione è davvero immensa, sia sul lato professionale che su quello umano. In tour impari a capire di più chi sei, confrontandoti e mettendoti a disposizione. Il comune denominatore tra tutti noi è senza dubbio una passione smisurata per la musica. Tommy ha radicalmente cambiato il mio modo di suonare e di percepire i suoni. In questi 4 anni ho ripreso ad ascoltare musica diverse ore al giorno e a studiare diverse cose sempre nell’ambito musicale per espandere la mia conoscenza su certi aspetti di produzione finalizzato ad avere controllo assoluto del mio sound.

Cosa significa per te fare parte di una band come quella dei Whitesnake?
Significa dare un senso a tutti i sacrifici che ho fatto in questi ormai 30 anni di carriera se così vogliamo chiamarla. Da sempre prediligo sostanza e duro lavoro. Quando arrivano certi risultati tutto torna e ti viene ancor più voglia di far meglio. Fare musica per me è molto più di una passione o di un mestiere. Ho il privilegio di imparare dai più grandi e l’obbligo di godermi questo periodo incredibile. Detto questo posso dirti che forse ancora non mi rendo conto di quel che ho combinato! Non ho tempo o voglia di adagiarmi, voglio succhiare tutta l’energia possibile che quest’esperienza mi sta regalando e farne tesoro.

Come è essere il tastierista di David Coverdale?
L’eredità di mostri sacri è molto pesante; si tratta di veri e propri idoli che hanno sicuramente avuto un ruolo determinante nella mia formazione. David Coverdale è un artista completo dotato di uno dei timbri più accattivanti dell’Universo. Ogni volta che programmo un suono, studio una parte cerco di far rendere il tutto in funzione della band e non di quanto “esco” nel mix per farmi notare; trasformarmi in un team player mi ha permesso di capire molte cose che un leader di una band tende a dimenticare; grazie a David Coverdale ho arricchito l’anima e capito che l’ego non è abbastanza per arrivare al cuore delle persone. Sento di essere al mio posto, conosco le parti di tastiere da quando ero bambino. Ti sembrerà assurdo ma i brani di “1987” li sento miei!

Quale album preferisci dei Deep Purple con Coverdale e dei Whitesnake?
Sinceramente non sono mai stato grandissimo fan dei Deep Purple anche se ovviamente ne riconosco il valore storico. Mi è difficile scegliere un album intero! Diciamo che il “Purple Album” dei Whitesnake, racchiude i brani della band che più preferisco. Dei Whitesnake? Troppo facile… “1987”, la mia “Bibbia”.

Cosa pensi di “Flesh & Blood”?
Penso sia un album perfetto per far volare ancora i Whitesnake nel 2019. Ormai il catalogo della band è talmente vasto e pieno di brani storici da rendere inutile qualsiasi paragone col passato. Solo il fatto che nel tour americano abbiamo suonato 5 brani da “Flesh And Blood” la dice lunga su quanto ci si stia mettendo tutti la faccia. A livello emotivo, vedere il mio nome su un album ufficiale della band mi ha riempito di orgoglio, non lo nascondo.

Hai contribuito alle composizioni dei brani?
No. Ho lavorato sodo alla composizione delle parti di tastiere con la collaborazione di David Coverdale e Reb Beach. In un secondo tempo nel mio studio ho ottimizzato la resa sonora dello score composto anche grazie ai miei preziosi Synth anni ’80 e a al mio costosissimo Outboard Analogico che uso per il mastering. Ho inoltre registrato i cori di tutti i brani. Mi sono divertito parecchio, zero stress.

Vision Divine, Heaven, Los Angeles, Killing Touch, Secret Sphere, Whitesnake, una parola per ogni band a cui hai partecipato.
I Vision Divine hanno rappresentato la mia entrata ufficiale nella discografia. I Los Angeles erano un progetto come tanti dove ho potuto confrontarmi più da vicino col genere che a detta di molti mi viene meglio, ovvero l’AOR. I Killing Touch mi ricordano impegno e introspezione; passai ben 8 mesi tra composizione e realizzazione dell’album. Ancora oggi ascolto il lavoro che più di ogni altro mi ha fatto esplorare territori musicali cognitivi che ancora oggi mi sono utili. Coi Secret Sphere ho sentito soprattutto nel primo periodo un’appartenenza ad una comunità più che ad un progetto, come se la Musica fosse “solo” la colla che tiene insieme persone e non l’unico fine. I Whitesnake sono stati la mia band preferita per moltissimi anni. Ti sembrerà ridicolo ma trovo molti parallelismi tra i Whitesnake ed i Mr. Pig, la mia coverband di sempre. Suonando con David Coverdale ho capito che l’approccio vincente del divertirsi prima di tutto non è poi così sbagliato.

Sei principalmente un cantante, nel ruolo di solo tastierista ti senti un pò limitato?
Mi considero un Musicista prima di tutto. Il mio ruolo nell’insieme è secondario, l’importante è fare il più possibile la differenza per il bene della band. Da bambino mi importava fare goal, oggi voglio vincere la partita insieme ai miei compagni. La musica va vissuta al massimo, indipendentemente da chi guida la nave. Ovvio che cantare da solista è una figata, ma mi manca anche suonare il basso se è per quello!

Durante il Purple  Tour, quale assolo di Jon Lord ti ha più emozionato suonare?
Ce ne sono stati 3 in particolare: “Burn”, “You Keep On Moving” e “You Fool No One”… I primi 2 a pari merito.

Girerai nuovamente il mondo con un nuovo tour, come è la vita on stage con David Coverdale e i Whitesnake?
Quando mi volto verso i miei compagni e vedo tre miei idoli assoluti sul palco con me, come vuoi che mi senta? Il tutto è surreale, meraviglioso, stimolante, energizzante… Magico. Tanta responsabilità sì, ma il tutto è vissuto con un atteggiamento giocoso e per niente pesante.

Finisci l’intervista come vuoi per i tuoi fan italiani e i nostri lettori.
Grazie a tutti coloro che mi hanno acclamato al Forum. Non vedevo l’ora di suonare in Patria! Presto inizierò le registrazioni del  mio nuovo album solista, ormai è ora! Seguitemi sulle mie pagine social (Instagram e Facebook) e venite a trovarmi ai concerti con le mie varie band, ci si diverte sempre un mondo!

FABIO LOFFREDO

DISCOGRAFIATrouble – 1978
Lovehunter – 1979
Ready An’ Willing – 1980
Live… In The Heart Of The City – 1980
Come An’ Get It – 1981
Saints & Sinners – 1982
Slide It In – 1984
1987 – 1987
Slip Of The Tongue – 1989
Restless Hearth – 1997
Starkers In Tokyo – 1997
Live… In The Shadows Of The Blues – 2006
Good To Be Bad – 2008
Forevermore – 2011
Live At Donington 1990 – 2011
Made In Japan – 2013
Made In Britain/The World Record – 2013
Live In ’84: Back To The Bone – 2014
The Purple Album – 2015
The Purple Tour – 2018
Unzipped – 2018
Flesh & Blood – 2019

LINE-UP attuale
David Coverdale: Voce
Reb Beach: Chitarra
Joel Hoekstra: Chitarra
Michael Devin: Basso
Tommy Aldridge: Batteria
​Michele Luppi: Basso

https://whitesnake.com
https://www.facebook.com/Whitesnake.official/

https://instagram.com/whitesnake/
https://www.youtube.com/user/WhitesnakeTV