fbpx
Now Reading
ILARIA VIOLA – Se Nascevo Femmina

ILARIA VIOLA – Se Nascevo Femmina

Foto

Ilaria Viola è una cantautrice romana che con il suo primo lavoro del 2014, “Giochi Di Parole”, dimostrava il suo amore per un certo tipo di jazz. Dopo 5 anni torna con un nuovo album “Se Nascevo Femmina” e già dal titolo si capisce che qualcosa è cambiato. Ilaria lascia da parte le atmosfere jazz e si appropria di un sound che sfiora il rock, la teatralità e altre sonorità senza schemi. “Se Nascevo Femmina” è un album da ascoltare, da capire e da apprezzare anche con più ascolti e i testi sono momenti, spaccati, pezzetti di vita della cantautrice, cantati, urlati e recitati con grande esperienza e con una vena ironica ma molto personale e impegnativa. “Bamboometo” è un brano molto particolare e abbastanza ironico e sicuramente al popolo giapponese fischieranno le orecchie, ma di energia ce ne è veramente tanta e anche di testi espliciti ma educati e in “Leila” esplode una certa voglia di new wave anni ottanta, mentre in “Per Mezz’Ora”, il sound si ammorbidisce, ma rimane sempre molto ricercato e particolare e anche il modo di cantare di Ilaria rimane molto originale e personale e quando vuole fa uscire anche tutta la sua potenza e c’è anche un maggior uso della chitarra.

Anche la title track, “Se Nascevo Femmina” è un brano molto particolare, diciamo abbastanza folle e anche stavolta ascoltiamo testi non proprio in linea con la musica italiana che ci viene piazzata in testa da radio e similari, ma qui parliamo di Ilaria Viola, una ragazza che ha una sua strada da seguire senza mai guardarsi troppo indietro o chiedersi quale possa essere il parere di chi ascolta e questo è un punto in più a suo favore. Difficile riprendersi da un brano del genere, vista la sua velocità, la sua impetuosità e la sua prepotenza e infatti Ilaria ci piazza “Martini”, un brano che sembra lento, tra blues e jazz, ma esplode spesso ugualmente in una simpatica follia musicale e il brano successivo, “Per La Gola”, è acustico e strampalato, ma affascinante e avvolgente e “La Via Di Mezzo” è una storiella, una cantilena rock e a chiudere il cd spetta a “Mulini A Vento” , con i suoi ritmi da Bolero ed è forse il brano più ‘normale’ di un cd che piace, diverte e scorre via, di un’artista, Ilaria Viola che ci porta in altre dimensioni musicali e nel suo mondo vario e colorato.
 
FABIO LOFFREDO
Voto: 7/10


Foto

Tracklist:
01.Bamboombeto
02.Leila
03.Per Mezz’Ora
04.Se Nascevo Femmina
05.Martini
06.Per La Gola
07.La Via Di Mezzo
08.Mulini A Vento
 
Label: Goodfellas/Lapidarie Incisioni
Genere: Rock/Pop/Alternative
Anno: 2019
 
Members:
Ilaria Viola: Voce e cori
Filippo Schininà: Batteria
Andrea Grossi: Basso
Daniele “Coffee” Rossi: Tastiere
Giacomo Ancillotto: Chitarra
Daniele Borsato: Chitarra in “Per La Gola”
Lucio Leoni: Voce su Bamboombeto
 
https://www.facebook.com/violailaria