Now Reading
Frank Zappa – Sheik Yerbouti

Frank Zappa – Sheik Yerbouti

zappasheik

Sicuramente  l’album di maggior successo commerciale per Frank Zappa ma non per questo  meno folgorante, impressionistico, irriverente e seducente di molti capolavori della sua immensa discografia.  Sheik Yerbouti, con quell’ormai iconica copertina dove Zappa indossa un copricapo arabo, vuole essere un gioco di parole, con la pronuncia “Shake your booty” a fare il verso ad uno degli slogan della disco music dell’epoca. E di parodie, sberleffi e dosi di humor 100% politically scorrect ne è piena l’opera. Si parte con l’esilarante I’ve Been In You che prende in giro con “giusto qualche riferimento sessuale” la smielatissima I’m In You di Peter Frampton. Ce n’è anche per Bob Dylan, che nel mezzo di un brano scatenato come Flakes viene imitato con il suo tipico cantato (con tanto di armonica) assolutamente scanzonato nel contesto del pezzo. Poteva mai mancare della satira contro la società americana? Certo che no, ed ecco infatti la storia di Bobby Brown che fra sodomia, masochismo e favori sessuali incarna appieno l’American Dream. E gli ebrei? Li avrà lasciati in pace? Andatevi ad ascoltare Jewish Princess e poi mi farete sapere. In mezzo a questa ironia salace come abbiamo già detto ci sono forti pernacchi alla imperante disco music come City of Tiny Lites  e la celebre Dancin’ Fool che con quel mantra “The beat goes on and i’m so wrong” narra le avventure in pista di un personaggio con una gamba più lunga dell’altra, dei piedi enormi, e senza il benché minimo senso del ritmo, ma che non desiste dall’andare a ballare ogni sera attuando il suo “social suicide”.
“Sheik Yerbouti” è solo parodie e comicità quindi? Assolutamente no. Tutto quello che vi ho raccontato è immerso in un contesto musicale splendidamente eseguito, con brani che si allacciano l’un l’altro, in perfetto stile zappiano, e con momenti corali e solistici che mettono in risalto le qualità cristalline dei musicisti in campo. Adrian Belew alla chitarra e Terry Bozzio alla batteria per dirne due. Oltre a Zappa, ovviamente. “Sheik Yerbouti” può essere annoverato tra i pezzi più pregiati di Frank al pari di opere leggendarie come Hot Rats, perché il successo commerciale ( vincitore di un Grammy Awards ) e la maggiore accessibilità dell’opera non devono pregiudicarne l’elevato valore assoluto. E se qualche purista leggendo questa affermazione griderà alla blasfemia, beh poco importa. Come ci insegna questo disco e più in generale Zappa, è meglio non prendersi troppo sul serio.

di Francesco Vaccaro