Now Reading
ALTERIA – EnCORE

ALTERIA – EnCORE

Stefania Bianchi, un classico nome italiano che perde l’anonimità nel decisamente più altisonante AlteriA.  Viene dal latino “alter ego” (altro io), conosciuta come voce e leader dei NoMoreSpeech, con loro ha aperto all’Heineken Jammin’ Festival, i concerti di Aerosmith nel 2010 e Red Hot Chili Peppers nel 2012. Ha condotto programmi musicali su Rock TV, su RAI4 e RAI5, sulla web-radio Rocknrollradio.it, e fa parte del progetto Rezophonic (duettando anche con L’Aura in “Rezophonic II”), i cui proventi vengono utilizzati per la realizzazione di pozzi d’acqua in Africa tramite AMREF. Roberto Fabiani alla batteria e Fernando de Luca al basso) e con i quali, dal 2007 a oggi, si è esibita in più di 250 concerti in giro per l’Italia. Nota per la conduzione di programmi musicali (su Rock TV, su RAI4 e RAI5), come speaker sulla web-radio Rocknrollradio.it, deejay su tutto il territorio nazionale e per la collaborazione in pianta stabile, insieme ad altri famosi artisti italiani, al progetto “Rezophonic” (per il quale ha registrato anche un brano in duetto con L’Aura nell’ultimo disco “Rezophonic II”), i cui proventi vengono utilizzati per la realizzazione di pozzi d’acqua in Africa tramite AMREF. Nel 2013 decide di tentare la carriera solista con l’omonimo progetto che porta il suo nome, e producendo l’album EnCORE, dove il non casuale maiuscolo richiama il cuore che pulsa dentro l’anima rock.

Suck my soul parte con rullanti imperiosi e potenti, basso presente e chitarra fulgida, quasi subito irrompe maestosa la voce della cantante. Un brano di rara efficacia ed immediata presa da cui è stato tratto uno splendido video su una base live, filmata dal regista Michael Gardenia (Destrage, Elvenking) dove appaiono flash di testo in sovraimpressione: “5uck My Soul racconta di tutte quelle persone, situazioni che vogliono tirarci giù, succhiarci l’anima nella vita, nei rapporti personali e nel lavoro.” Registrato in un capannone industriale di Reggio Emilia che sta diventando un nuovo locale di culto, Bad Trip è adrenalina pura, il percorso è lo stesso della precedente track, possanza lucida e metallica. Un furore controllato che trasmette voglia di saltare. Like an atom ci porta Pascal in chiave rock, si parla di quello che ci fa sentire piccolini come dice la cantante, fa sentire anche tutta la sua grandezza, l’intonazione è perfetta e non si limita ad una dimostrazione di grandiosità, ma si adatta come un’onda allo scorrere del brano. La dolorosa Sickness è un lungo pianto, tragico e superbo, così intimo da farsi trovare anche in versione acustica solo-piano, un dondolio di emozioni che ti accompagna in un mare di sonorità esclusive. La voce suadente e liturgica di Alteria raggiunge un nadir di melodia assolutamente splendente. La titletrack EnCORE è caratterizzata da una singer selvaggia, che ben si inserisce su riff altrettanto selvatici di chitarra e basso. Una progressione di accordi e pennate brucianti dove la voce invadente e fiammeggiante di Alteria si lancia come da un dirupo di note. Empty land è un susseguirsi estroverso di ritmi e toni, sonorità diverse si alternano nel classico schema forte-piano-forte. In your grave ci porta di fronte all’Altissimo, il giudizio universale del rock forse? Una interpretazione forte e assennata, una Jennifer Rush moderna, con la stessa scomposta leonina criniera, pur se rossa nel suo caso. L’altro singolo estratto, con tanto di video è Protection, percussioni martellanti accompagnano lo scorrere della track, una progressioni sonora che cresce con l’avanzare del brano finendo in un boato di potenza. Il video è un omaggio al dipinto di inizio ‘800 di Géricault “La Zattera della Medusa” e raffigura la zattera di fortuna che accolse 147 naufragi che dovettero lottare per sopravvivere in mezzo all’oceano; di queste soltanto 13 fecero ritorno a casa. Il video rivisita in chiave moderna i personaggi del dipinto, mantenendone i colori, le luci, le atmosfere cupe e la scrupolosa attenzione ai dettagli. Il messaggio è del tutto positivo: rappresenta il momento della salvezza (Protection) dopo il lungo naufragio in cui il gruppo ha dovuto lottare contro fame, cannibalismo e morte. “PROTECTION esplora l’umanità nel momento di precarietà e disperazione: è l’occasione per mostrare il comportamento del gruppo nell’estrema e angosciante consapevolezza dell’imminente fine, dalla solidarietà iniziale alla lotta per la sopravvivenza, per tornare infine all’empatia e all’unione quando i superstiti vengono finalmente portati in salvo”. Angel/Love è la cover di Angel dei Massive Attack, in più la nostra ha inserito una strofa del suo gruppo preferito, i Led Zeppelin, Whole lotta love. Brano sognante, lento e quasi mefistofelico nella sua dilaniante tossicità. La traccia di chiusura, Dust, è una chicca fatta di sfaccettature, raggi sonori che si intersecano, frammenti di luce che cadono dal cielo. Melodiosa ed avvolgente nella sua lamentosa cadenza, incanta e rapisce portandoti in un mondo onirico popolato di frammenti colorati.

La mia “passione” per Cristina Scabbia è nota e conclamata, ma da oggi c’è un’altra pretendente al mio cuore rock, Alteria non per niente si interseca spesso e volentieri con la voce dei Lacuna Coil, sia sul palco che in precedenti interviste. Un progetto solista che si avvale della collaborazione di tre eccellenti musicisti che si integrano alla perfezione con la primadonna che è l’anima di questo One Girl Show. Rispetto a Cristina ho forse meno estensione di ottave e perde in metallicità, compensando il tutto con una roboante potenza di cui non perde mai il controllo (il richiamo alla bravissima Jennifer Rush non è casuale). Testi importanti che su trame sonore ricche pongono in primo piano la natura straripante da regina della jungla di quest’artista con la A maiuscola, casualmente proprio l’iniziale di Alteria. Aggiungiamo la collaborazione con Rusty dei Klogr (da noi già ottimamente recensiti), e finiamo con la frase preferita dalla nostra cantante, di Ronnie James Dio: Long Live Rock’n’Roll!

MAURIZIO DONINI 
Voto 8/10

Tracklist:
Suck My Soul
Bad Trip
Like An Atom
Sickness
Encore
Empty land
In Your Grave
Protection
Angel/Love
Dust

Credits:
Pubblicato: 3 dicembre 2013
Produttore: Zeta Promotion
Etichetta: Zeta Promotion
Scritto e prodotto da Alteria e Fernando de Luca, “ENCORE” è stato registrato e missato da Dualized presso gli studi dello Zeta Factory ad eccezione del brano “Protection”, registrato da Eddy Cavazza presso lo Zeta Factory e missato da Roberto Priori presso il PRI Studio.
La masterizzazione è stata affidata ad Alessandro Vanara, eccezion fatta per “Protection”, masterizzato da Danilo Di Lorenzo presso il Moon House Studio.

Website: www.alteria.it
Facebook: www.facebook.com/alteriamusic
Twitter: https://twitter.com/Alteria_Ste
Instagram: www.instagram.com/alteriaofficial
YouTube: www.youtube.com/alteriamusic
Soundcloud: https://soundcloud.com/alteriamusic