Now Reading
SKID ROW – Intervista su “United World Rebellion: Chapter One”

SKID ROW – Intervista su “United World Rebellion: Chapter One”

skidrow 1 orig 1

Perché avete scelto questo titolo per il vostro album?
E’ una trilogia e gli Skid Row sono sempre stati una band che ha cercato di trasmettere il messaggio di credere in sé stessi e di autodifendersi. quindi tutta la trilogia parla di questo. Inoltre come titolo sembra cool perché siamo tutti ribelli e quando sei un’artista cerchi sempre di ribellarti.

Perché avete deciso di uscire con 2 EP?
In realtà saranno tre tutti insieme. sembra semplicemente una cosa divertente da fare in termini di nuova musica. Ora poi non viviamo più tutti vicini quindi ci siamo dovuti incontrare per scrivere e questo progetto riflette 3 anni interi di lavoro.

Che cosa volete dire alle persone?
Vogliamo semplicemente dire che siamo tornati con un nuovo sound e vogliamo trasmettere il messaggio di credere in sé stessi e di non avere paura di essere un poco strani e diversi.

La strategia di fare EP diversi sta funzionando?
Sì, perché come artisti non volevamo tutte le canzoni fuori nello stesso momento. Sta funzionando specialmente perché le persone cominciano a prestare attenzione al fatto che ci stanno altre cose degli Skid Row 

Avete già registrato l’ultimo EP?
No, non ancora e non l’abbiamo nemmeno iniziato, forse a Natale.

Siete soddisfatti della seconda parte?
Sì, l’adoro anzi la amo molto, è un poco più aggressiva e pesante della prima. Siamo dovuti ritornare un poco sui nostri passi dopo molti anni di assenza, quindi quando ci siamo ritrovati per il primo capitolo è stato molto difficile. ma poi ci siamo messi a scrivere e le idee sono venute e per il secondo capitolo è stato più facile.

Il terzo capitolo sarà la conclusione di questi EP oppure cambierete qualcosa tipo il sound?
Non ne ho idea, non abbiamo niente di pianificato, è il bello della musica.

Perché avete deciso di fare due cover alla fine di ogni parte?
Volevamo dare un bonus e abbiamo pensato che sarebbe stato cool fare un tributo allE band che hanno influenzato il modo in cui pensiamo. Sono band che sono state molto importanti per noi e avere la possibilità di scegliere una delle loro canzoni è stato fantastico perché non abbiamo scelto le solite canzoni che ci si aspetta, ma abbiamo selezionato qualcosa di più profondo. Abbiamo modificato un poco le canzoni, ma allo stesso tempo volevamo fare un tributo. Dal punto di vista delle parole abbiamo scelto le band in base al nostro messaggio.

Manterrete la stessa struttura intro, ballad e due cover?
Assolutamente sì.

Chi è la mente dietro le canzoni?
Io e Jake scriviamo molto, ma non è una canzone degli Skid Row fino a che tutti hanno messo le loro idee e i loro pensieri.

State pensando di registrare un album intero?
Per ora ci concentriamo solo sul terzo capitolo, per il resto sinceramente non lo sappiamo.

Come ci si sente a ritornare in scena dopo tutto questo tempo?
Non abbiamo mai fatto uscire niente in tutti questi anni, ma siamo sempre stati in tour specialmente in USA e Canada. Siamo stati in tour un sacco, poi ad un certo punto ci siamo detti: “ma quando è che abbiamo fatto il nostro ultimo album?” e ho detto “6 anni fa” quindi ci siamo rimessi a scrivere ed ora stiamo cercando di recuperare il tempo perso.

Siete riusciti ad arrivare ai fan con il vostro nuovo lavoro o avete la sensazione che guardino indietro ai vostri vecchi album?
Abbiamo avuto molte recensioni positive su magazines e webzines, ed è una bella sensazione sapere che le persone pensano che sappiamo ancora come fare rock. Abbiamo visto sia ragazzine sia uomini di una certa età. E’ molto bello il fatto che riusciamo a comunicare con più generazioni, è una bella sensazione essere sulla scena per così tanto tempo e vedere che il tuo pubblico continua a crescere.

Vi piace l’Italia?
La amo, penso che questa sia la seconda volta in un anno. Ma ci eravamo già stati un paio di volte, i fans in Italia sono meravigliosi e poi amo mangiare, quindi ovviamente il cibo è ciò a cui mi dedico tutto il giorno.

Qualche posto o città che ti piacerebbe vedere in Italia?
Domani andiamo a Pisa e non ci siamo mai stati quindi non vedo l’ora. Poi siamo già stati a Milano, Torino, Bassano del Grappa, il concerto a Torino l’anno scorso è stato veramente bellissimo e out of control.

Cosa ne pensi dei nuovi mezzi di diffusione musicale?
Io sono della vecchia scuola e mi sono sempre piaciuti i vinili. Per quanto riguarda Youtube penso sia una cosa forte perché posso vedere performance di band che non ho avuto la possibilità di vedere, perciò mi piace. Inoltre mi piace parlare ai fans attraverso i social media, l’unico problema è che le persone possono dire quello che vogliono e sono miglia e miglia di distanza e non le puoi picchiare se dicono qualcosa di cattivo.

MAURIZIO DONINI

Componenti:
Johnny Solinger – voce
Dave “The Snake” Sabo – chitarra
Scotti Hill – chitarra
Rachel Bolan – basso
Rob Hammersmith – batteria

https://www.skidrow.com
https://www.facebook.com/OfficialSkidRow
https://twitter.com/OfficialSkidRow
https://www.youtube.com/user/SkidsTV
https://www.instagram.com/officialskidrow