fbpx
Now Reading
OBSCURA – Intervista a Steffen Kummerer

OBSCURA – Intervista a Steffen Kummerer

Hammersonic 2016 Obscura 14

Un simpatico e gentile Steffen Kummerer, fondatore, chitarrista e cantante della death metal band tedesca Obscura, mi ha raccontato le seguenti cose, in vista dell’unica data italiana che si terrà al Locomotiv Club di Bologna il prossimo 16 febbraio.

Ciao Steffen, benvenuto sulle pagine di Tuttorock, prima di tutto, come va in generale?
Ciao Marco, bene, grazie! Come stai? (in italiano). Dalla mia famiglia italiana ho appena ricevuto un grosso pacchetto di biscotti Pan di Stelle e di biscotti Baiocchi (ride, ndr). Non vedo l’ora di visitare Bologna a febbraio, ci abbiamo suonato un paio di volte ma non ho mai visto la città, so che è una città famosa per l’Università!

Il vostro ultimo meraviglioso album, “Diluvium”, è stato pubblicato circa un anno e mezzo fa, come è stato accolto dalle persone nel mondo?
È stata l’uscita più riuscita della mia band, è stato davvero un successo inaspettato. Ovunque è stato accolto bene dalle persone e abbiamo avuto molte recensioni positive. È tutto a posto e sono molto contento, abbiamo fatto dei tour di lancio incredibili in Europa, negli Stati Uniti, in Asia, in Australia e in Nuova Zelanda. Ora suoneremo di nuovo in Europa. L’unica cosa che è stata un po’ strana è che i miei amici italiani mi hanno detto il significato di Diluvium.

Sei l’unico membro originale degli Obscura, è così difficile mantenere una formazione stabile suonando death metal?
Sì e no. È abbastanza ovvio che non ti arricchisci con questa musica, dipende da cosa vuoi dalla musica, abbiamo bisogno di molto tempo per produrre canzoni e per i tour, se hai un lavoro regolare è impossibile. Hai sicuramente bisogno di tempo da dedicare alla band, registri un album e hai bisogno di circa un mese. Negli ultimi anni è più semplice per noi, se vedi gli ultimi dieci anni penso che abbiamo avuto solo tre cambi di line up, quindi va bene. Penso che stiamo procedendo nel modo giusto.

Hai fatto parte della band “Death to all” che ha portato in tutto il mondo i capolavori “Death”, quanto è stata importante quella esperienza per te?
Personalmente è stato molto importante, semplicemente perché ho avuto la possibilità di suonare con i membri dei death. Suonando con loro sono cresciuto come musicista. Avevo quattordici anni quando scoprii i Death, è stata la band più importante per me. Siamo diventati amici, abbiamo viaggiato molto insieme e per me è stata una bellissima esperienza. Siamo ancora in contatto, siamo felici ogni volta che ci incontriamo.

Tutti te lo chiedono, ma quanto è stato importante per te Chuck Schuldiner?
Come scrittore di canzoni è stato molto importante, ho ancora una parte della sua musica che trasformo nella musica degli Obscura, è stato fantastico nel riarrangiare la musica, con un lato melodico e sezioni soliste. Tutte quelle melodie che ti rimangono in mente sono state molto importanti per me, e se ascolti la nostra musica puoi sentire l’influenza dei Death, sfortunatamente non l’ho mai incontrato, la sua scomparsa è stata una grande perdita.

Per quei pochi che non ti conoscono, oltre ai Death, puoi dirmi quali band ti hanno influenzato di più?
Penso che, quando abbiamo iniziato a suonare musica nel 2002, ascoltassi molte band della scena death metal americana degli anni ’90, ma anche i Megadeth, i Metallica, tutti quelli della mia età (sono nato nel 1985) ascoltavano quelle band. Ora ascolto Ghost, Mastodon, Symphony X (Il chitarrista Mike Romeo è sottovalutato), tutti i tipi di musica, completamente diversi, ho una mentalità molto aperta e puoi ascoltarla nelle nostre canzoni, non scrivo la stesso la musica che scrivevo venti anni fa, spero (ride, ndr).

Un’altra domanda per quei pochi che non ti conoscono, qual è stata la tua formazione musicale? Ti ricordi la prima volta che hai preso in mano una chitarra?
La mia formazione musicale è iniziata all’età di nove anni, quando mi sono unito a un coro cattolico per imparare la musica, era guidato dal fratello di Papa Ratzinger. Ho imparato la melodia, l’armonia al pianoforte e il canto solista. Ho scelto la chitarra a sedici anni, ho comprato nel marzo 2002 una chitarra Jackson molto vecchia, e un paio di mesi dopo ho fondato gli Obscura, la mia prima band, se vuoi vedere la mia progressione musicale ascolta il nostro primo demo e il nostro ultimo album “Diluvium”.

Come vedi il genere death metal alle porte del 2020?
Ad essere sincero, penso che i tempi siano migliori adesso. Molte band sono in grado di fare tournée, produrre musica, c’è molta differenza rispetto a quando abbiamo iniziato a suonare. Ora abbiamo molte band death metal con influenze prog, tutto funziona, è così facile produrre un album e dare musica ai tuoi fan con Spotify o cose simili. Il punto negativo è che ci sono troppe band e non puoi ascoltarle tutte.

Siete attivi dal 2002, ti piacerebbe dare qualche consiglio ai ragazzi che vorrebbero intraprendere una carriera nella musica metal?
Assolutamente sì, prima di tutto non perdete mai il divertimento. Non pensate ai soldi, al successo, cercate di essere creativi, create la vostra musica, non copiate nessuno, siate voi stessi.

Quali sono i tuoi progetti futuri dopo la fine di questo tour?
Probabilmente un altro tour (ride, ndr). Non c’è mai fine, ma sono molto felice per questo, adoro viaggiare. Stiamo scrivendo le canzoni di un nuovo album che uscirà nel 2020.

E come sta andando l’altro tuo progetto Thulcandra?
Thulcandra sta andando abbastanza bene, da tre anni abbiamo un paio di volti nuovi nella band. Saremo in tournée con gli Obscura, anche a Bologna, e la prossima estate avremo un nuovo album.

Il 16 febbraio sarete in concerto al Locomotiv Club di Bologna, che tipo di spettacolo dovremmo aspettarci?
Questa volta cambieremo completamente la setlist, abbiamo appena suonato a Milano ma non suoneremo le stesse canzoni, suoneremo un paio di canzoni del nostro album di debutto, sarà uno spettacolo un po ‘più grande.

Grazie mille per questa intervista, vuoi dire qualcosa ai tuoi fan italiani?
Grazie Marco, è un piacere tornare in Italia, sarà uno spettacolo fantastico, ci vediamo a Bologna! Arrivederci (in italiano).

MARCO PRITONI

Band:
Steffen Kummerer – Vocals & Guitars
Rafael Trujillo – Guitars
Linus Klausenitzer – Bass
Sebastian Lanser – Drums

https://www.realmofobscura.com
https://www.facebook.com/RealmOfObscura
https://www.instagram.com/realmofobscura
https://www.facebook.com/RealmOfObscura/videos/2640552446007175

Obscura Band Picture

** ENGLISH VERSION **

A nice and kind Steffen Kummerer, founder, guitarist and singer of the German death metal band Obscura, told me the following things, in view of the only Italian date that will be at the Locomotiv Club of Bologna next February 16th.

Hi Steffen, welcome on the pages of Tuttorock, first of all, how is it in general?
Hi Marco, I’m fine thanx! Come stai? (in Italian). From my Italian family i just received a big pack of Pan di Stelle and Baiocchi biscuits (he laughs – Editor’s note). I’m looking forward to visit Bologna in February, we have played there a couple of time but I’ve never seen the city, I know it is a city famous for the University!

Your last wonderful album, “Diluvium”, was released about a year and a half ago, how was it received by the people around the world?
It was been the most successfully release of my band, it was really unexpected. Everywhere it was received well from the people and we had a lot of good reviews everywhere. Everything is cool and I’m very happy, we had amazing release tours in Europe, in USA, in Asia, in Australia and New Zealand. Now we’ll play again in Europe. The only thing that was a little bit weird is that my Italian friends told me the meaning of Diluvium.

You are the only original member of your band Obscura, is it so difficult to maintain a stable line up playing death metal?
Yes and no. It’s quite obvious you not getting rich by this music, it depends from what you want from the music, we need many time for producing songs and tours, if you have a regular job it is impossible. You definitive need time to dedicate to the band, you record an album and you need about a month. In the last years it is more simple for us, if you see the last ten years I think we had only three line up changes, so it’s ok. I think we are in the right way.

You were part of the band “Death to all” that brought around the world the “Death” masterpieces, how important was that experience for you?
Personally it was very important, simply because I had the chance to play with Death members. Playing with them I grew up as musician. I was fourteen when I discovered Death, they were the most important band for me. We became friends, travel a lot together and for me was a great experience. We are still in touch, we are happy every time we meet.

Everyone asked you, but how important was Chuck Schuldiner to you?
As songwriter he was very important, I still have some part of his music transofmed in Obscura music, he was amazing in rearranging of music, with a melodic side and solo sections. All those melodies taht you simply keep in your mind were very important for me and if you listen to our music you can listen stuff from Death, unfortunately I never meet him, his death was a big loss.

For those few who don’t know you, besides Death, can you tell me which bands have influenced you the most?
I think when we started to play music in 2002 I was listening many bands from the early 90’s USA death metal scene but also Megadeth, Metallica, everybody in my age (I born in 1985) listened to those bands. Now I listen to Ghost, Mastodon, Symphony X (The guitarist Mike Romeo is underrated), all kinds of different music, completely different, I am very open minded, and you can listen it in our songs, I don’t write the same music that I wrote twenty years ago, I hope (he laughs – Editor’s note).

Another question for those few who don’t know you, what was your musical education? Do you remember the first time you picked up a guitar?
My musical education started at age of nine, when I joined a catholic choir to learn music, it was leading by the brother of Pope Ratzinger. I learned melody, harmony by the piano, and solo singing. I picked the guitar at age of sixteen, I bought in march 2002 a very old Jackson guitar, and a couple of months later I founded Obscura, my first band, if you want see my musical progression listen our first demo and our last album “Diluvium”.

How do you see the death metal genre on the threshold of 2020?
To be honest I think times are better now. Many bands are able to tour, to produce music, there is many difference than we started to play. Now we have many death metal bands with prog influences, everything works, it’s so easy to produce an album and to give music to your fans by Spotify or similars. The negative point is there so too many bands and you can not listen every of them.

You’ve been active since 2002, would you like to give some advice to kids who would like to pursue a metal music career?
Absolutely yes, first of all never loose the fun. Don’t think about money, about success, try to be creative, make your own music, don’t copy anyone, be yourself.

What are your future plans after the end of this tour?
Probably another tour (he laughs – Editor’s note). It never ends but I’m very happy for this, I love travelling. We are in the middle of writing the songs for a new album that will be out in 2020.

And how is your other Thulcandra project going?
Thulcandra is going quite well, since three years we have a couple of new faces in the band. We will be in tour with Obscura, in Bologna too and next summer we’ll have a new album.

On February 16th you will be in concert at the Locomotiv Club in Bologna, what kind of show should we expect?
This time we’ll change the setlist completely, we just played in Milan but we’ll don’t play the same songs, we will play a couple of songs from our debut album, it will be a little bit bigger show.

Thank you very much for this interview, do you want to say something to your Italian fans?
Thank you Marco, it’s a pleasure to come back in Italy, it’s going to be a fantastic show, see you there in Bologna! Arrivederci (in Italian).

MARCO PRITONI

SteffenKummerer