Now Reading
“L’ULTIMA PAROLA” – IL NUOVO SINGOLO DI ROBY FACCHINETTI, TRA TOUR E FIRMACOPIE

“L’ULTIMA PAROLA” – IL NUOVO SINGOLO DI ROBY FACCHINETTI, TRA TOUR E FIRMACOPIE

Abbiamo raggiunto e intervistato Roby Facchinetti – voce storica, autore, compositore musicale nonchè tastierista ed anima dei leggendari Pooh – che torna su Tuttorock per le nuove progettualità, in un momento in cu finalmente ripartono musica e spettacolo, ripartono i concerti live. Sarà un’estate ricchissima di impegni per il grande artista, un percorso partito dall’uscita del suo album e progetto musicale, il libro, la partenza del Tour e gli appuntamenti con il firma-copie.
Facchinetti ci ha presentato “L’ultima parola“, il nuovo singolo, un brano molto intenso in rotazione in tutte le radio come nuovo estratto dall’ultimo album dell’artista intitolato “Inseguendo la mia musica“. Il disco era stato pubblicato nel settembre del 2020 per Sony Music Italy.
Il brano è stato scritto dallo stesso Roby Facchinetti insieme all’amico e collega di sempre Stefano D’Orazio, dedicando parole d’affetto all’amico Valerio Negrini, fondatore e autore della maggior parte delle canzoni dei Pooh.  Roby è pronto per un lungo tour con date in tutta Italia, prontissimo anche a incontrare i suoi fan con due eventi firma-copie per il suo libro “Katy per sempre”, uscito lo scorso settembre e di cui avevamo parlato. I fans potranno incontrare Roby Facchinetti, dunque, in due speciali appuntamenti firma-copie del libro Katy per sempre, edito da Sperling & Kupfer: il 1 luglio evento svoltosi al Parco Università di Fisciano (Salerno) e il 9 luglio prossimo alla Fiera del libro di Polignano a mare, nella splendida Puglia, terra di grandi artisti come Modugno, ricordato dallo stesso Roby.
C’è il tempo per parlare anche delle ripartenze di musica e spettacolo, categorie di settore messe a dura prova dall’emergenza sanitaria. Facchinetti – appoggiando e sostenendo il movimento dei Bauli in Piazza – si è impegnato in prima persona per sostenere i lavoratori dello spettacolo, le maestranze lavorative, gli “invisibili” che devono avere visibilità. Il suo obiettivo è stato quello di  sensibilizzare l’opinione pubblica e le Istituzioni rispetto alla profonda crisi subita quest’anno dagli operatori del settore dello spettacolo per le forti restrizioni date dalla pandemia.  Un impegno profuso con sensibilità e presenza costante.  L’impegno e la speranza per il futuro, la ripartenza con entusiasmo “Ho dato tutta la mia solidarietà e sostegno ai lavoratori dello spettacolo per la drammatica situazione lavorativa che in questi 15 mesi, a causa del Covid, ha colpito l’intero settore della musica e dello spettacolo, sperando che ora si possa davvero ripartire”.

Come nasce “L’ultima parola”?  Quale l’idea narrativa? Questo intenso brano assume ora una doppia valenza ed importanza emozionale ed un significato doppiamente profondo:
“Il brano nasce parlandone proprio con Stefano D’Orazio. Avevo condiviso con Stefano l’idea di uscire con questo singolo a Natale scorso, poi avevamo scelto insieme di far uscire un altro singolo,  “Invisibili”. Mi sono quindi trovato ad uscire con un brano dedicato non soltanto a Valerio Negrini ma anche a lui, a pochi mesi dalla sua scomparsa. Un brano che adesso assume un significato importante: con la perdita di Stefano assume un significato ancora più profondo. L’ultima parola è proprio quella che non si è detta a chi ci lascia, un brano dedicato alla scomparsa improvvisa di Valerio che aveva lasciato tutti noi amici, appunto, senza un’ultima parola”

Parliamo del videoclip che accompagna il brano:
Anche quest’ultimo video, come il precedente,  è stato girato e diretto da Gaetano Morbioli, che con le sue bellissime immagini, trasmette tutto il significato, la bellezza e l’immensità che le parole del testo lasciano nel cuore e nell’anima di chi le ascolta”.

Ripartono i concerti live, tu avrai una estate molto impegnativa. Porterai i tuoi live in giro per l’Italia con due versioni differenti del Tour, spieghiamo come:
Ho scelto di portare la mia musica dal vivo in due differenti versioni: quella con la mia orchestra abituale e quella in versione per una grande orchestra, la Simphony Version. E’ un pò come far tornare a casa le canzoni, con questa ultima versione, cosa che gradisco molto.  Il Tour sarà anche l’occasione per i nuovi brani e per i grandi successi legati ai Pooh in luoghi suggestivi e particolari del nostro Paese, fra bellezze artistiche come la Basilica di Collemaggio a L’Aquila, la piazza del Duomo di Cologna Veneta, Piazza Giorgione a Castelfranco Veneto e paesaggi suggestivi e belli come il Bosco degli artisti di Falcade.

Il 21 luglio sarà una data importante, ti esibirai nella tua Bergamo, simbolo assoluto della lotta Covid. Le emozioni saranno moltissime, immaginiamo:
Una data importante quella nella mia Bergamo dove l’emozione sarà incredibile. Bergamo ha un carico assoluto di dolore, porta con sé tristezza e disperazione, intere famiglie cancellate dal virus, l’immagine del Covid nel mondo ma anche simbolo di ripartenza e rinascita.

Alessandra Paparelli