Now Reading
LEAH – Intervista alla cantante sul suo nuovo album “Ancient winter”

LEAH – Intervista alla cantante sul suo nuovo album “Ancient winter”

Quella che segue è la mia intervista alla cantante canadese Leah in vista dell’uscita del suo album di musica celtica “Ancient Winter” in programma il prossimo 15 novembre.

 
Ciao Leah, benvenuta sulle pagine di Tuttorock, so che hai fatto una campagna di crowdfunding per il prossimo album Ancient Winter, è andata bene?
Sì, è andata molto bene. Non ero sicura al 100% di come sarebbe andata dal momento che questo album è diverso da quello che faccio di solito (è un album di 8 canzoni con tema di vacanze natalizie). Ma alla fine ha avuto successo. Abbiamo raccolto oltre 83.000 dollari dalle vendite in preordine che hanno contribuito a finanziare e promuovere l’album.

Hai scelto di raccontare l’inverno perché ami quella stagione?
Adoro quella stagione, soprattutto se sei circondato da montagne, laghi e foreste. Adoro il cambio delle stagioni ed è sempre un qualcosa da festeggiare.

Ho ascoltato il singolo “Redemption”, l’ho trovato un bellissimo brano atmosferico. Hai messo da parte il metal sinfonico per ora?
Grazie. Il metal sinfonico/celtico sarà sempre una mia passione. A volte devi solo fare cose nuove. Non posso pensare di non fare più musica metal ma ci sono anche altre dinamiche che voglio presentare. Questa volta volevo realizzare un album puramente mondano, celtico e folk per l’inverno e le festività natalizie.

Ho sentito i suoni di molti strumenti antichi, quali hai usato?
Ho usato tutti i tipi di strumenti interessanti e sconosciuti che non riesco nemmeno a pronunciare nell’ambito degli strumenti virtuali. Gli strumenti veri e propri includono violoncello, violino, viola, ghironda, flauti celtici.

So anche che hai avuto molti ospiti in questo disco, giusto?
Sì, adoro lavorare con musicisti diversi su ogni progetto. Ancient Winter ospita artisti come Anna Murphy (ex Eluveitie, Cellar Darling) alla ghironda, Troy Donockley (Nightwish, AURI) alle cornamuse e ai flauti e Shir-Ran Yinon (che ha suonato con Epica, Cellar Darling, Eluveitie) oltre ad alcuni altri grandi ospiti.

I tuoi fan ti chiamano “L’ Enya del metal”, ti piace questo soprannome e ti piace essere avvicinata ad un nome così importante della musica celtica?
Penso che sia una descrizione abbastanza accurata per coloro che non hanno mai sentito parlare di me prima. Penso che così possano avere un’idea immediata di ciò che potrebbe significare e sembrare. Ci sono molte voci femminili molto potenti nel metal, certo, posso arrivare anch’io ad avere una voce potente a volte, ma la potenza non è il mio obiettivo, vocalmente. La mia enfasi è più sull’atmosfera e sull’umore.

Per favore, dimmi qualcosa sulla tua formazione musicale.
Non ho molto da dire a proposito, sono praticamente autodidatta. Vorrei poter leggere la musica, ma non l’ho mai considerata una cosa prioritaria da imparare.

Quali artisti ti hanno ispirato nella tua carriera?
Quando ero più giovane c’erano cantautrici come Tori Amos, Sarah McLaughlan, Loreena McKennitt e persino Enya. Quando ho scoperto il metal, le mie prime grandi influenze sono stati nomi come Nightwish, Dream Theater, Symphony X e molti altri.

Quali sono i tuoi progetti futuri? Farai un tour? Magari verrai anche in Europa?
I miei progetti futuri includeranno sicuramente più musica metal, più musica fantasy al di fuori del metal e, infine, un tour, sì. Sto già pensando a come vorrò che risulti il mio show e sto prendendo appunti.

Grazie mille per questa intervista, vuoi dire qualcosa ai lettori di Tuttorock?
Grazie per aver dedicato del tempo a leggere questa intervista e a conoscermi. Adoro rimanere in contatto personalmente, quindi se mi invierete un messaggio su Instagram (@leahthemusic) prometto di rispondere 🙂

MARCO PRITONI

**ENGLISH VERSION**

The following is my interview with the Canadian female singer Leah ahead of the release of her celtic music album “Ancient Winter” scheduled for November 15th.

 
Hi Leah, welcome to the webzine Tuttorock, I know you did a crowdfunding campaign for the next album Ancient Winter, did it go well?
Yes, it went very well. I wasn’t 100% sure how it would go since this album is different from what I usually do (it’s an 8-song holiday themed album). But in the end it was successful. We sold over $83,000 in pre-orders which helped to fund and launch the album.
Did you choose to recount the winter because you love that season?
I do love that season, especially if you’re surrounded in mountains, lakes and forests. I love the change of seasons and it’s always something to celebrate.

I listened to the single “Redemption”, I found it a very beautiful atmospheric song. Did you put symphonic metal aside for now?
Thank you. Symphonic/Celtic metal will always be a passion of mine. Sometimes you just need to do new things. I can’t see not making metal anymore. But there are other dynamics I want to feature as well. This time I wanted to make an album that was purely worldly, Celtic and folk for the Winter and holiday season.

I heard the sounds of many ancient instruments, which ones did you use?
I used all kinds of interesting and unpopular instruments I can’t even pronounce in the virtual instrument department. Real instruments included cello, fiddle, viola, hurdy-gurdy, and Celtic whistles and flutes.

I also know you had many guests on this record, right?
Yes, I love working with different musicians on each project. Ancient Winter features guests such as Anna Murphy on hurdy-gurdy (ex-Eluveitie, Cellar Darling), Troy Donockley on pipes and flutes/whistles (Nightwish, AURI), and Shir-Ran Yinon (performer with Epica, Cellar Darling, Eluveitie), and a few other great guests as well.

Your fans call you “The Metal Enya”, do you like this nickname and do you like being associated with such an important name in Celtic music?
I think it’s a fairly accurate description for someone who’s never heard of me before. I think they get an instant idea of what that might mean and sound like. There’s a lot of very powerful female voices in metal. I certainly can go there at times, but power is not my focus, vocally. My emphasis is more on atmosphere and mood.

Please tell me something about your musical education.
I don’t have much to share here, I’m pretty much self-taught. I wish I could read music, but I’ve never made it a priority to learn.

Which artists inspired you in your career?
When I was younger it was songwriters like Tori Amos, Sarah McLaughlan, Loreena McKennitt, and even Enya. When I discovered metal, my first big influences were Nightwish, Dream Theater, Symphony X and many others.

What are your future projects? Will you do a tour? Maybe you will also come to Europe?
My future projects will definitely involve more metal, more non-metal fantasy music, and eventually a tour, yes. I’m already thinking about what I want my show to be like and making notes.

Thank you very much for this interview, do you want to say something to the readers of Tuttorock?
Thank you for taking the time to read this and getting to know me. I love to stay in touch personally, so if you send me a message on Instagram (@leahthemusic) I promise to answer  🙂

MARCO PRITONI

Foto