Now Reading
Intervista a “LA FAIDA”, in occasione del loro esordio discografico

Intervista a “LA FAIDA”, in occasione del loro esordio discografico

In occasione del loro esordio discografico, col brano “Malamore” (in tutti i digital store)abbiamo intervistato la rock band LA FAIDA

La Faida – Esordio discografico per la rock band nata a Los Angeles, in tutti gli store digitali con il singolo “Malamore”
(Universal Music Italia)

La Faida è una band hard rock in italiano, nata a Los Angeles, al Whisky a Gogo, nel gennaio del 2020, formata da Ivan Grave (Salvatore Ivan Foddanu) alla voce, Lexy Riot (Alessandro Picca) al basso, Max Power (Massimiliano Lepore) e JJ Riot (Gianluigi Quatrano) alle chitarre e Scar (Gaetano Del Regno) alla batteria. Collaborano con Pietro Foresti (Premio Best Rock Producer 2016) per la produzione del loro primo singolo. Tra i concerti di rilievo, l’apertura nel Dicembre 2021 alla storica band “Strana Officina” nel loro tour italiano, nelle tappe di Roma, Napoli e Matera.

Ciao Ivan, perché LA FAIDA?
Ciao e grazie per lo spazio, Semplicemente perché dopo esserci confrontati con i ragazzi sui nostri percorsi artistici e di vita non abbiamo più pensato a cosa dovesse essere “il modo migliore per emergere” ma abbiamo semplicemente buttato fuori tutto ciò che avevamo dentro in musica…pregiudizi, discriminazioni, sogni, lotta continua ecc… ci siamo resi conto che il materiale musicale creato era una vera e propria FAIDA.. un vendicare le offese e i torti subiti in musica…noi vogliamo rappresentare la gente…il popolo ecco perché la faida

Come nasce “MALAMORE” e cosa rappresenta per voi.
Malamore è uno dei primi brani scritti dalla band, un viaggio delicato attraverso il sentimento minato da difficoltà, cadute, dolori, pregiudizi e discriminazione…a volte capita di vedere tutto nero … essere affissati dai dubbi…ma se l’amore è vero vince sempre

Da cosa prendete spunto per i testi?
Da ciò che proviamo…da ciò che ci circonda…dalla gente…dalla voglia di rivalsa…diamo voce a chi voce non ne ha…raccontiamo storie vere e reali

Chi cura gli arrangiamenti dei brani?
Mentre i testi vengono scritti interamente da me i ragazzi si occupano di trovare sempre le basi giuste e gli arrangiamenti che danno forma al brano, a volte capita che mi ispirino proprio loro con degli arrangiamenti che mi portano a descrivere il suono , noi pensiamo che la musica parli come un testo ma pochi riescono a capire…io riesco a capire le parole che suonano i ragazzi perché sono ciò che ho dentro …noi siamo un’unica persona.

Cosa rappresenta il ROCK per ognuno di voi?
Beh come dice la parola ..la roccia …la forza della lotta….la rivoluzione interiore, il rock o lo fai o lo sei …in molti lo fanno…noi lo siamo dentro.

Doveste collaborare con un artista, con chi vi piacerebbe suonare?
Ci sono tre artisti italiani che particolarmente vedrei in una collaborazione con la faida penso la Bertè, Grignani, Achille Lauro! Poi se andiamo sull’ internazionale ti citerei Machine Gun Kelly o Eminem ma anche Lady Gaga.

Grazie mille per questa intervista
Grazie mille a voi per il tempo dedicato… un saluto da La Faida!