fbpx
Now Reading
UTO UGHI & ANDREA GRIMINELLI – Live @ Teatro Duse, Bologna 27-11-2019

UTO UGHI & ANDREA GRIMINELLI – Live @ Teatro Duse, Bologna 27-11-2019

griminelliughi

Un salto indietro nel tempo di circa trecento anni, questo è quello che i presenti che riempiono ogni posto del bellissimo storico Teatro Duse di Bologna si aspettano di fare questa sera, e sarà effettivamente così. L’occasione è ghiotta perchè permette di assistere all’interpretazione di alcune delle musiche più belle scritte dal grande Antonio Vivaldi da parte di due rockstar della musica classica, Uto Ughi, il violinista per eccellenza, e Andrea Griminelli, considerato all’unanimità il miglior flautista presente sulla scena musicale mondiale attuale, frutto delle sue tante collaborazioni con artisti appartenenti ai più svariati generi musicali, tra cui Luciano Pavarotti, Sting, Zucchero. Poco dopo le ore 21 il palco viene occupato dall’Orchestra padovana “I Solisti Veneti”, rimasta orfana da circa un anno del suo direttore storico Claudio Scimone, presente dalla fondazione avvenuta nel 1959, e che stasera si presenta con dodici componenti divisi tra otto violini, due violoncelli, un contrabbasso, un mandolino (alternato ad una chitarra). Compare il Maestro Andrea Griminelli che, reduce dal concerto con tantissimi ospiti illustri per il compimento del suo sessantesimo anno di età, con poche parole, dà il via all’esecuzione dei concerti della natura di Antonio Vivaldi, partendo da “La Tempesta di mare”. I circa quaranta minuti di esibizione saranno la sintesi della perfezione, la melodia di Vivaldi eseguita in maniera perfetta dai tredici musicisti, con il flautista che incanta i presenti con il suo strumento che spesso somiglia ad un delicato canto e che si sostituisce ad un gardellino nell’omonimo concerto. Dopo la dovuta ovazione e quindici minuti di pausa, riappare sul palco l’Orchestra, questa volta con il grande Maestro Uto Ughi, del quale parlano la sua immensa carriera e il suo innato carisma. E proprio il suo carisma è ben visibile questa sera, quando non si limita a deliziarci con il suo violino, ma legge i sonetti che illustrano le Quattro Stagioni di Vivaldi, in una successione sonetto-breve frase musicale-concerto completo apprezzatissima dal pubblico che va in visibilio soprattutto nell’esecuzione della tempesta estiva, dove c’è spazio anche per le risate quando il grande musicista ricorda come Vivaldi fosse un sacerdote che, a volte, si dimenticava del suo ruolo e si chiudeva in un angolo a comporre musiche che sarebbero divenute immortali, musiche dalle scale e dalle cromatiche inedite in quell’epoca, un vero e poprio precursore di un modo nuovo di scrivere e suonare musica classica. I suoni della natura, delle acque, degli uccelli, riprodotti sulle quattro corde del grandissimo musicista lombardo, creano un’atmosfera sognante nell’intero teatro, con gli spettatori che chiedono più volte il bis, concesso con una fantasia sui Capricci di Niccolò Paganini, un virtuosismo che ci dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, come Uto Ughi sia uno dei migliori violinisti della storia. E, a proposito di virtuosismi, il Maestro chiama Griminelli sul palco che, con il fiato corto dovuto alla frettolosa salita delle scale, offre una versione de “Il Volo del Calabrone” che lascia tutti sbalorditi e che chiude una serata magica d’altri tempi.

MARCO PRITONI

Credits: si ringrazia Teatro Duse per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento.

SETLIST:
Andrea Griminelli – I concerti della natura di Antonio Vivaldi:
La Tempesta di mare in Fa Maggiore
La Notte in Sol Minore
Il Gardellino in Re Maggiore
Uto Ughi – Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi:
Primavera in Sol Maggiore
Estate in Sol Minore
Autunno in Fa Maggiore
Inverno in Fa Minore
Encore:
Uto Ughi: Fantasia sui Capricci di Niccolò Paganini
Andrea Griminelli: Il Volo del Calabrone di Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov

Locandina 2
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.