fbpx
Now Reading
Tullio De Piscopo: grande festa per la serata finale del Gaeta Jazz Festival 10

Tullio De Piscopo: grande festa per la serata finale del Gaeta Jazz Festival 10

L’ho già detto un po’ di tempo fa in occasione di un’intervista a James Senese, ci sono degli artisti per i quali ogni concerto è come un ritrovarsi di amici, una famiglia che si riunisce. Per Tullio De Piscopo è esattamente così ( tra l’altro nel pubblico sono presenti i suoi cugini di Gaeta ), il pubblico viene coinvolto completamente, c’è chi addirittura va sotto il palco per parlare con l’artista, che a sua volta risponde, condivide le sue storie, improvvisa.
E allora ecco le persone che sfilano per prendere dalle mani del percussionista napoletano un “dollaro promozionale” sulle note di “ ‘E fatt e sord! ”, e poi Tullio che racconta del borotalco di sua Zia Emilia prima di far scatenare tutti con “Andamento lento”, o ancora le storie sulla sua residenza a Formia insieme a Pino Daniele ( presente in prima fila anche Dorina Giangrande, moglie di Pino ).
Insomma una festa, musica e umanità. Forse è un po’ difficile spiegarlo a parole, ed è per questo che vi consiglio di provarlo sulla vostra pelle.

Il concerto continua fra assoli di batteria incredibili ( uno dei quali reso ancora più suggestivo dai fuochi d’artificio di matrice religiosa che brillano nel cielo ), e pezzi più danzerecci che fanno alzare tutti dalle sedie.
Il pubblico vorrebbe non finisse mai, ma dopo una particolarissima versione di “Get up ( i fell like being a ) sex machine” di James Brown, un “ ‘O sarracino ” al retro-gusto di Herbie Hancock, e “Funky Virus” ( uno degli ultimi singoli di Tullio ) cala il sipario, e i volti soddisfatti e pieni di gioia delle persone valgono più di mille parole.

“La riuscita di un concerto dipende tutta dal pubblico. Se ‘o pubblico è ‘na chiavica, o’ concerto viene fuori pure lui ‘na chiavica. Se invece ‘o pubblico è bello, come voi, ‘o concerto va ‘annanz’ che è ‘na favola!”. ( Cit. Tullio De Piscopo )

Caro Tullio, è proprio vero, ma sappi che rendere “bello” il pubblico ti riesce benissimo!

di Francesco Vaccaro

(Link al “Diario di bordo” del Gaeta Jazz Festival: http://www.tuttorock.net/concerti/diario-di-bordo-di-tuttorock-al-gaeta-jazz-festival-10)

*Foto di repertorio tratte dal nostro archivio*

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.