fbpx
Now Reading
STEVE HACKETT – Live @ Gran Teatro Geox (Padova 25-9-2015)

STEVE HACKETT – Live @ Gran Teatro Geox (Padova 25-9-2015)

Ci ha fatto sognare insieme agli altro quattro membri una delle band più ascoltate di sempre nella scena progressive, i Genesis, e con i suoi assoli malinconici e le sue armonie fa sempre viaggiare per chi è amante del genere, Steve Hackett lo scorso 25 settembre al Gran teatro Geox di padova ha letteralmente mandato fuori di testa il pubblico. Sono ormai passate le 21.30 circa quando fa la sua comparsa il leggendario chitarrista sul palco accompagnato dal resto della sua band di turnisti e a gran sorpresa al basso elettrico ci si è ritrovati niente di meno che Roine Stolt un altro gigante della scena progressive, fondatore dei Flower Kings e membro di gruppi come Transatlantic e Tangent. Alla voce a interpretare le canzoni dei Genesis troviamo Nad Sylvan, alle tastiere Roger King, Rob Townshed alle tastiere, fiati e percussioni e alla batteria Gary O’Toole. Tastiere psichedeliche, tempi dispari e armonie direttamente dagli anni 70’, Steve Hackett e la sua band hanno proposto per prima cosa un repertorio di canzoni della carriera solista del chitarrista deliziando il pubblico con canzoni come Ace of “Wands” o A “Tower Struck Down”, pezzi del suo primo disco solista, ma ottima performance anche per pezzi più recenti come ”Wolflight” o “The Wheels Turning”; Nella seconda parte del concerto il chitarrista al microfono annuncia “and now… Genesis!” e, chiaramente, il pubblico è andato letteralmente in visibilio. Il protagonista della serata ripresenta le canzoni più famose del suo vecchio gruppo come “the cinema show”, “Get’em out by friday” e come gran finale non poteva certamente mancare uno dei più grandi classici del repertorio Genesis: “Firth of fifth” immaginate la reazione degli spettatori, che a fine concerto non si è risparmiato con gli applausi. Due ore di grandi emozioni che ha lasciato un grande segno a molti nostalgici del vecchio gruppo progressive.

Report e photoset by FABIO PASQUALI

Credits: si ringrazia l’Ufficio Stampa ZEDLive per la grande gentilezza e disponibilità.