Now Reading
OPETH “European Tour 2016” + Sahg “Memento + Mori tour” – Live @ Alcatraz, Milan …

OPETH “European Tour 2016” + Sahg “Memento + Mori tour” – Live @ Alcatraz, Milan …

L’aspettativa e la curiosità sono altissime per la discesa in terra italica degli svedesi Opeth, impronteranno il loro live principalmente sulle sonorità settantiane che contraddistinguono i loro ultimi due album o ripercorreranno la loro storia che spazia dal progressive al death metal?

L’Alcatraz di Milano, sempre ottimamente gestito, è abbastanza pieno anche prima dell’inizio del gruppo di spalla, i norvegesi Sahg, che con un tripudio di luci rosse si presentano sul palco. Il cantante e chitarrista Olav non interagisce molto con il pubblico, se non per presentare il loro ultimo lavoro in studio “Memento Mori”. La band propone un ottimo stoner/doom, con ritmi lenti e cadenzati alternati a riff più rock, e personalmente li ho apprezzati molto, come buona parte dell’audience presente. Le sonorità decadenti del loro sound sono ben supportate dalle linee di basso di Tom Cato, esponente importante di diverse realtà black metal (Gorgoroth, I, Ov Hell, God Seed) stasera senza il solito corpse painting, e le chitarre dello stesso Olav e di Thomas con i brani successivi diventano massicce e rocciose, ben accompagnate da Thomas dietro le pelli.

La particolarità dei Sahg sta sicuramente nell’amalgamare bene il sound tipico del doom nordico a ispirazioni molto sabbathiane e psichedeliche, ma nel contempo molto oscure, e credo che li rivedremo presto.
 
Setlist:

  1. Hollow Mountain
  2. Firechild
  3. Sanctimony
  4. Black Unicorn
  5. Pyromancer
  6. Blood of Oceans

 
Lineup:

  • Tom Cato – Bass
  • Olav Iversen – Vocals, Guitar
  • Thomas Tofthagen – Guitar
  • Thomas Lønnheim – Drums

​http://www.sahgband.com
https://www.facebook.com/Sahgband
https://twitter.com/sahgband
https://www.youtube.com/user/Sahgband
http://instagram.com/sahgband
https://itunes.apple.com/no/artist/sahg/id251612434
https://open.spotify.com/artist/1avAVvUyTYVWjXOZzCGND4

Finalmente arriviamo all’attesissimo momento degli Opeth, il palco ha un allestimento ricco di luci e schermi, e dopo una serie di cori “Michele! Michele!” volti ad attirare sul palco Åkerfeldt, la band fa capolino ed iniziano le note dell’intro che ci porterà verso un’esecuzione splendidamente perfetta di Sorceress, titletrack del nuovo lavoro, che in sede live guadagna spessore e atmosfera. Si cambia subito registro con Ghost Of Perdition dove Åkerfeldt sfoggia un growl tornato ai fasti passati, profondo e preciso, e la band dimostra che pur orientandosi su sonorità più leggere, quando si tratta di eseguire brani più pesanti non sussiste nessun problema, anche per l’ottima intesa tra i membri attuali. Si continua con i brani storici, e tocca ora a Demon Of The Fall, per poi tornare alle atmosfere più light su The Wilde Flowers, ed anche in questo caso l’esecuzione live oltre ad essere perfetta arricchisce il pezzo di effetti e atmosfere.

Si entra nel cuore del live con le malinconiche Face Of Melinda e In my time of need, per poi ritornare sul growl di Cusp Of Eternity fino al bellissimo capolavoro di 12 minuti The Drapery Falls, tratto da Blackwater Park. Gli schermi proiettano luci e artwork psichedelici abbinati al mood dei diversi brani, la batteria di Axenrot e il basso di Mendez, monolitici, riempiono i brani senza appesantirli troppo, mentre le chitarre di Åkerfeldt e Åkesson e le tastiere dell’ottimo Svalberg ricamano melodie complicate e atmosferiche alternate a ritmi granitici. Abbiamo ancora tempo per apprezzare Heir Apparent, ma quando sulle note iniziali di The Grand Conjuration Mikael presenta i membri della band capiamo che siamo verso la fine di questo bellissimo concerto, in cui tutto è andato alla perfezione, si sentivano bene tutti gli strumenti, e ben equilibrati, e la band ha fatto uno show davvero senza sbavature. A chiudere la serata la violenta e oscura Deliverance, che alterna riff veloci e angoscianti ad aperture melodiche lente e suggestive.

Gli Opeth sono sicuramente una band articolata e complessa, ma per essere apprezzati appieno secondo me vanno compresi e vissuti, permettendogli così di trasferirci quelle emozioni che li guidano sul palco.
 
Report & photoset by ALESSANDRA MERLIN
 
Credits: si ringrazia Vertigo per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento.

Setlist:

  1. Sorceress
  2. Ghost of Perdition
  3. Demon of the Fall
  4. The Wilde Flowers
  5. Face of Melinda
  6. In My Time of Need
  7. Cusp of Eternity
  8. The Drapery Falls
  9. Heir Apparent
  1. The Grand Conjuration
  2. Deliverance

Lineup:

  • Mikael Åkerfeldt – Vocals, Guitars
  • Martin Mendez – Bass
  • Martin Axenrot – Drums
  • Fredrik Åkesson – Guitar
  • Joakim Svalberg – Keyboards

http://www.opeth.com
https://www.facebook.com/opeth
https://twitter.com/OfficialOpeth
http://youtube.com/opeth
http://instagram.com/officialopeth
http://nblast.de/OpethSorceressIT
https://play.spotify.com/artist/0ybFZ2Ab08V8hueghSXm6E