Now Reading
IL VOLO – Live @ Unipol Arena Bologna 26-1-2016

IL VOLO – Live @ Unipol Arena Bologna 26-1-2016

Chitarra, basso e batteria? No, stasera niente di tutto questo alla Unipol Arena di Bologna!!! Al posto della tipica formazione rock abbiamo Il Volo, un trio con 2 tenori ed 1 baritono, inusuale no? Balzati all’onore delle cronache per la vittoria al Festival di Sanremo 2015 e la successiva partecipazione Eurovision Song Contest 2015, classificandosi al terzo posto e vincendo il Marcel Bezençon Press Award, il premio della critica assegnato dai giornalisti accreditati alla rassegna, Il Volo è diventato uno dei fenomeni più controversi del panorama musicale italiano. Osannati da molti ed irrisi da altrettanti, hanno a loro volta alimentato polemiche, le solite stucchevoli litanie italiche da bar, dichiarando che “chi è abituato ai Led Zeppelin non può ascoltarci“. Affermazione tanto logica quanto scontata, da fan della prima ora degli Zep  non posso che confermare che Il Martello degli Dei ed Il Volo sono i due poli opposti di una perfetta sfera. Il che non esclude aprioristicamente che si possano ascoltare entrambi, ma la tifoseria non vive di mezzi termini.

 Se l’altra sera al Covo Club ero sommerso di adolescenti urlanti sotto Calcutta, stasera a riempire gli 11.000 scranni della Unipol Arena ci sono i di loro genitori ed anche tanti nonni, ma l’entusiasmo che si scatena all’entrata del trio, non è minore di quello della fanbase adolescenziale dell’altra sera, anzi, per una volta non è azzardato dire che la vecchia guardia batte l’orda barbara arrembante ai punti con ampio distacco. Alle spalle dei tre tenorini, nickname affibbiatogli per antonomasia ai tre tenori storici, la bravissima Orchestra Regionale Filarmonia Veneta splendidamente diretta dal Maestro Diego Basso.
Si corre tra pezzi propri e riproposizione di evergreen della canzone italiana, al secondo pick arriva già il classicone di Volare e, magari farete fatica a crederlo, ma l’attempata platea si lancia da subito in una singalong urlata, manca solo il lancio dei capi intimi sul ai piedi del trio per trovarsi in qualcosa di simile ad un concerto punk. Istrionici, maestri dell’intrattenimento, Ignazio racconta dei suoi natali bolognesi, 10 anni a Molinella prima del ritorno in Sicilia, scherzano ed empatizzano con il pubblico, poi si vola con Il Mondo di Jimmy Fontana. Ancora frizzi e lazzi, sanno come intrattenere il pubblico Ignazio è primattore con la sua simpatica siciliana, e si pesca nella storia della canzone italiana proponendo Pino Donaggio con la sua memorabile Io che non vivo più di un ora senza te, e c’è spazio per l’eltoniana Can you feel the love tonight? Con la skyline che riempie il videowall alle spalle e si conclude con una ovazione che porta tutta la platea in piedi ad applaudire a scena aperta. Violini strazianti con il loro suono abrasivo sono l’altare rosso coreografico che riempie di canto gitano l’arena, il pubblico è caldissimo, niente lanci di lingerie stasera, ma mazzi di fiori in quantità vengono portati dagli spettatori ai cantanti.

Uno show curato nei minimi particolari, l’acustica è perfetta smentendo per l’ennesima volta la stantia nomea della Unipol Arena,, le luci sono sincronizzate in maniera maniacale e la scelta della coreografia che accompagna i brani è studiata evidentemente a tavolino, si è costruito un complesso ingranaggio perchè questo renda al massimo, ed il risultato ne ripaga gli sforzi. La modugnana Ciao Ciao bambina si trasforma in una Ciao Ciao Bologna che porta anche la piccola Eleonora di 4 anni sul palco per poi fuggire piangendo tra le braccia di mamma. Si riparte con la canzone da Oscar, La vita è bella, poi una sorpresa, se era rock che volevate eccolo, sempre che Imagine, considerata la canzone più bella di sempre, si possa definire rock, ma non importa, piuttosto conta che sul palco troviamo la risposta italiana a Natalie Imbruglia, una dodicenne con la voce da angelo, Shari Noioso,interpreta una devastante versione del classico lennoniano al cospetto di 11.000 persone ammutolite in silenzio, rapite dalla toccante voce di questo astro nascente.

 Può mancare un pezzo che sembra fatto apposta per il trio come la monumentale Delilah di Tom Jones nella setlist della serata? Ovviamente no!!! Canzone perfetta per le righe del trio, “La canzone che ci rappresenta meglio” dichiarano, e parte Vent’anni di Massimo Ranieri. C’è da dire che lo scorrere del concerto porta una certa monotonia, siamo sulle strade dei 2Cellos, bravi, ma si sta sul sicuro, non si azzarda niente fuori dal proprio giardino, tutto bello e ben fatto,tanta qualità, fin troppo insistita la ricerca di un rapporto con il pubblico, ma anche un sapore di scontato. E via con Michele Zarrillo ed il dolore tragico di Cinque giorni che ti ho perso, amori infranti non mancano mai. Ci sono i loro grandi successi, da Grande amore a L’amore si muove, per restare in tema, power ballad potente e sinfonica, esplosiva, se ci fossero alcuni riff di chitarra di quelli da guitar heroes potremmo parlare di miracolo. E centinaia di palloncini bianchi e rossi vengono lanciati in aria a festeggiare la canzone, entra la compagna dell’Ariston dell’anno scorso, Serena Brancale, che le radici del trio affondino nella canzone d’autore italiana non è certo un mistero, cosi passa il classico di Endrigo, Canzone per te, e ci si avvia alla chiusura della serata.

Piero Barone da Naro (AG), Ignazio Boschetto (Marsala) e Gianluca Ginoble (Montepagano), sono bravi, possono piacere o non piacere, il loro pubblico come detto non è sicuramente quello dei raduni metal, ma la loro capacità di cantanti è indiscussa ed il numero di dischi e sold-out collezionati ne sono la testimonianza. Il bello della musica è che ognuno può trovare il proprio spazio, ma c’è forse qualcosa di più bello della “MUSICA”?

MAURIZIO DONINI
Photoset by ANDREA BRUSA
La gallery completa

Credits: si ringrazia Studio’s Online per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento.

http://www.ilvolomusic.com
https://www.facebook.com/ilvolomusic
https://twitter.com/ilvolo
https://www.youtube.com/user/IlVoloVEVO
https://instagram.com/ilvolomusic