Now Reading
GOD IS AN ASTRONAUT + THE SHIVER – Live @ ZONA ROVERI Music Factory Bologna 15-10-2015

GOD IS AN ASTRONAUT + THE SHIVER – Live @ ZONA ROVERI Music Factory Bologna 15-10-2015

Opening della serata la band dark-new-wave laziale dei The Shiver, guidata dalla bravissima Faith che ha riscosso un grande successo di pubblico malgrado aprissero per un pubblico che era presente per un genere totalmente diverso. Ma la bravura della band e la qualità artistica elevatissima della loro esibizione ha riscosso unanimi consensi scaldando per bene la folla che riempiva il ZonaRoveri Music Factory.
 
Members:
Federica Faith Sciamanna – voce
Francesco Finch Russo – batteria
Matteo Menichelli – chitarra
Michele Colantuoni – basso
 
http://www.tuttorock.net/interviste/the-shiver-intervista-a-federica-faith-sciamanna
http://www.tuttorock.net/recensioni/the-shiver-the-darkest-hour
http://www.theshiver.net
http://www.facebook.com/theshiver.net 
http://www.twitter.com/theshiverband 
http://www.youtube.com/theshiverband 
http://www.reverbnation.com/theshiver 
Probabilmente questi irlandesi sono il gruppo di riferimento del post-rock, ma dimenticate il classico genere musicale ben fatto, un poco pomposo, piacevole ed a volte un poco monotono. Qui siamo di fronte ad una band esplosiva che sul palco si presenta con vulcanica forza incendiaria. Se l’inizio sui tappeti di piano è solenne e magica dondolandosi sulle note della classica When everything dies, si comincia già ad accelerare sul drumming progressivo di Echoes, nell’oscurità che pervade i concerti della band le note iniziano ad allungarsi sulle trame di Vetus memoria, vanno a pescare le schegge elettroniche di Worlds in collision, la pressione ritmica aumenta in questo bellissimo brano esplodendo di continuo come i balzi di Torsten su e giù dal palco. Si attraversa l’insipida The last march per perdersi nell’onirica  titletrack Helios/Erebus, si attraversano i tappeti di serenità di Pig powder per vedere eruttare forza suprema nella rumoreggiante Centralia, la dinamica forza esplosiva che questa band riesce a scatenare è un muro di suono imponente e maestoso, quanto affascinante. Ci si incanala nella bellezza mefistofelica di Suicide by star, canzone che ti rimane incollata addosso, per andare a chiudersi nella rabbiosa Route 666, dirompente brano di forza ultraterrena dove ritmica e corde si congiungono in un abbraccio infernale.
Una location invidiabile come lo ZonaRoveri Music Factory ha accolto un concerto assolutamente strepitoso, una band la cui forza si estrinseca dal vivo in maniera decisamente più esplicativa che nel freddo digitale. Se sul platorello o player che sia si percepisce la qualità tecnica ed artistica della band, dal vivo la vulcanica forza del quartetto è qualcosa di atomico e regala uno spettacolo di rara bellezza e potenza.

MAURIZIO DONINI
Photoset by NINO SAETTI

Credits: si ringrazia l’Ufficio Stampa e il ZonaRoveri per la perfetta organizzazione dell’evento e la gentile disponibilità.
 
http://www.zonaroveri.com
https://www.facebook.com/ZRZonaRoveri
https://www.facebook.com/events/1465216720463809
https://www.facebook.com/hellfirebooking
https://www.facebook.com/thisiscoreagency

SETLIST:
1. When Everything Dies
2. Echoes
3. Vetus Memoria
4. Point Pleasant
5. Worlds in Collision
6. The Last March
7. Helios | Erebus
8. From Dust to the Beyond
9. Pig Powder
10. Centralia
11. Forever Lost
12. Agneya
13. Suicide by Star
14. Route 666
 
Membri:
Band:
 Torsten Kinsella – Guitar
 Niels Kinsella – Bass
Jamie Dean – Piano/Synths
Lloyd Hanney – Drums
Touring Band:
Torsten Kinsella – Guitar
Niels Kinsella – Bass
Jamie Dean – Piano/Synths
Stephen Whelan – Drums
 
http://godisanastronaut.com
https://www.facebook.com/godiaa
https://twitter.com/giaa_band
http://www.youtube.com/giaa
http://instagram.com/giaa_band
http://giaaband.tumblr.com
https://plus.google.com/111279658617691816215