Now Reading
FEDEZ “POP-HOOLISTA TOUR FINAL DATE” – LIVE @ MODENAROCK (PONTE ALTO MO 23-9-2015)

FEDEZ “POP-HOOLISTA TOUR FINAL DATE” – LIVE @ MODENAROCK (PONTE ALTO MO 23-9-2015)

Nato a Milano il 15 ottobre 1989 Federico Leonardo Lucia aka Fedez, Le sue vendite certificate dalla FIMI ammontano ad oltre 490.000 copie premiate con undici dischi di platino e quattro dischi d’oro, ottenute grazie a due album in studio e sette singoli. Viene classificato come rapper, dopo il suo endorsement al Movimento 5 Stelle cui ha donato una canzone,  ha saldato tra i suoi nemici destra e sinistra, dal becero e improbabile sarcasmo di Gasparri, all’intellighenzia tanto declamata della sinistra, perita nella richiesta di censura da parte dei misconosciuti piddiini Gelli e Magorno

Siamo nell’Arena sul Lago di ModenaRock, l’ultima volta che abbiamo fatto un servizio su Fedez eravamo ad Assago, la differenza data dalla diversità delle location è immediata. Niente costumi, niente pupazzi e colori, nulla di maquette, ma non è una critica, l’attenzione si concentra sulla musica. L’opening è affidato a Vivian Grillo, che purtroppo non riesce a smaltire le perplessità che mi porto dietro dalle precedenti esibizioni, c’è da dire che anche il pubblico non si scalda granchè, anzi. Poi entra Fedez, cappellino in testa, niente costumi strani, solo l’immancabile maxi schermo alle spalle che passa il TeleFedez, divertente e travolgente come al solito, continua a conquistare per quel suo essere “vero” che frammista stupore e consapevolezza, il mondo che vorresti e quello in cui vivi. Una scaletta ridotta rispetto al tour dei palazzetti, ma ricca lo stesso di musica e gioia, la titletrack Pop-Hoolista apre le danze, ed è subito tripudio, i fans sono una base immarcescibile per il cantante, si parla degli amori di tutti i giorni e delle notizie dei quotidiani se non dei talk-show riportate in chiave fedezziane, senza fare sconti a nessuno. Dalla religione a “Barbarona” non si sono sconti per i “merdaioli” (cit. Liga). Mancano Noemi e Francesca Michielin, due collaborazioni di cui si sente la dolorosa mancanza. Non manca invece Alfonso Signorini, le canzoni sono ormai stra-conosciute, la folla che assembra l’arena le canta a memoria, incurante degli scrosci di pioggia occasionali, tanto si salta e si canta per scaldarsi. In mezzo un medley immancabile della passione che ha portato il cantante milanese alla musica, non lo diresti, ma sono i Blink-182, 10 e lode ai Blink e a Fedez che li riportati qui.

Si arriva in fondo, Fedez è irresistibile, si diverte e fa divertire, è sincero e sereno, interpreta il sentire della sua generazione, ne catalizza gli umori, ne conosce il bello e il brutto, i dubbi e le certezze, gli anfratti dei ragazzi della generazione 2.0, ne amplifica i bisogni e li mette in rima, un paio d’ore scarse di ottime canzoni e di spettacolo che hanno lasciato una folla felice.  
40 date hanno prodotto uno spettacolo solido e collaudato, la band si trova alla perfezione, Paola Zadra è oramai un punto di forza, bassista già con Stef Burns, ha un tocco torrido sulle corde e regala passaggi deliziosi andando a caratterizzare la trama che fa da prato alle evoluzioni canore del cantante. 

MAURIZIO DONINI
Photo by NINO SAETTI

​Credits: si ringrazia Manservisi Eventi per la perfetta organizzazione e la splendida disponibilità e gentilissima collaborazione. 

Setlist:
Pop-hoolista
Generazione Boh
Cardinal chic
Pensavo fosse amore
Olivia Oil
Amore eternit
Sirene
Medley Blink
Non c’è due senza trash
Duetto Vivian
Alfonso Signorini
L’hai voluto tu
Faccio brutto
Polaroid
Magnifico
Cigno nero
Ti porto con me
L’arte di accontentare

Band:
DJ Zak – giradischi,
Fausto Cogliati – chitarra,
Sopreman alle doppie  
Vivian Grillo alle seconde voci,
Fabiano Pagnozzi – tastiere
Paola Zadra – basso 
Paola Caridi – batteria

http://www.fedezofficial.com 
https://www.facebook.com/fedezofficial
https://twitter.com/fedez
http://instagram.com/therealfedez
https://www.youtube.com/user/FedezChanneL