Now Reading
ELISA “On tour 2016” – Live @ Mandela Forum, Firenze 11-11-2016

ELISA “On tour 2016” – Live @ Mandela Forum, Firenze 11-11-2016

La cantautrice di Monfalcone inizia il suo ” On Tour” proprio dal capoluogo toscano.
Un Nelson Mandela forum praticamente sold out e tanto , tantissimo entusiasmo .
è questa l’aria che si respira a pochissime ore di distanza dall’ apparizione di una delle cantanti italiane più poliedriche ed apprezzate del nostro panorama musicale.

Parte la prima canzone in scaletta “Bad habits”, ma Elisa non si vede sin da subito, scorgiamo però la sua ombra da dietro il grande velo che copre il palco all’inizio dello show .   Elisa suona l’handpan ( uno strumento idiofono,-per capirci- la versione occidentale della marimba).Diversi ologrammi sul grande tendone raffigurano il corpo di ballo ( quello di Amici di Maria De Filippi) in  movimento. Ma appena il velo cade giù, l’occhio è rapito dallo spettacolo che gli si propone dinnanzi.  Elisa veste in modo comodo, sbarazzino, spiritoso e un pò folle, mostra grafiche nelle proiezioni e lancia messaggi sociali. Sul palco insieme alla cantante Andrea Rigonat (chitarra), Curt Schneider ( basso), Victor Indrizzo ( batteria), Cristian Rigano( tastiere), Jessica Chilldress e Sharlotte Gibson ( cori). L’aspetto visivo dello spettacolo è forte, d’impatto,prepotente. La forma del palco e  le luci richiamano la forma del cerchio e il gioco di luci è spettacolare. Una scenografia tondeggiante.

Lo show della cantautrice friulana sembra proprio essere un cerchio. Elisa in  due ore di concerto mostra tutti i lati di sé, quello che era in passato e ciò che è diventata adesso, senza mai perdere la sua unicità vocale e la sua forza interpretativa, rimanendo sempre fedele a se stessa. La cantante sul palco fiorentino mostra un volto inedito di sé .Un tocco di rock in meno ma tanto pop e funky ci accompagnano in queste due ore di musica. Ed è proprio al pop che  ha deciso di tornare Elisa con il suo ultimo album ” ON”, da lei stessa definito un album di rottura rispetto ai precedenti. Un album molto pop dove  la cantautrice ha deciso di spaziare liberamente.  Un lavoro vitale ,energico, estroverso ,irrompente. 
– ACCESO per l’appunto- .

“On” è un album dal pop potente e moderno che si mischia al soul e all’elettronica fino ad attingere a sonorità anni 80.  
Sonorità che percepiamo subito non appena partono le prime note di ” Catch the lights” e poi ” Ready now”. 
Non è di certo l’ Elisa a cui siamo abituati e che abbiamo imparato a conoscere in questi 20 anni di carriera ma il suo talento e la sua classe rimangono immutati.  Elisa ama rinnovarsi e cambiare abito e soprattutto non ha paura dei giudizi altrui.   Un live spettacolare con al centro i grandi successi inanellati in 20 anni di carriera.  Solo 8 brani su 25 fanno parte del nuovo corso. Troviamo un Elisa strong e grintosa nei brani in inglese:  scalpita, corre da una parte all’altra del palco ed  é a suo agio e si diverte quando abbandona il microfono gelato per prendere un microfono auricolare. Sembra quasi una nuova  Britney Spears. E poi c’è L’Elisa più dolce e riflessiva nelle ballad italiane, quelle che vengono cantate unanimamente da tutti i presenti del Mandela Forum. ( Luce, Eppure sentire, L’anima vola, Gli ostacoli del cuore).

Tanti i momenti sublimi della serata, ma forse forse l’highlight    giunge quando sul palco si presenta a sorpresa Renato Zero, per un esclusivo duetto  con la cantautrice su ” Cercami”, successo conosciuto e amato da tutti. Ma i momenti emozionanti sono appena iniziati. Due i tributi che hanno scaldato il cuore e hanno fatto riflettere i fans toscani. Una intensissima ” Almeno tu nell’universo” di Mia Martini alla quale tutti siamo legati, e un omaggio incredibile a Leonard Cohen proponendoci una sua personale versione di “Hallelujah“. La cantautrice aveva già incluso la canzone nella scaletta della data zero di Jesolo, ma  la recente scomparsa di Cohen,  venuto a mancare proprio il giorno precedente , ha smosso qualcosa in Elisa, tanto da offrire una versione che definire  stratosferica  è riduttivo nei confronti del lavoro mastodontico fatto dalla signora Toffoli. 

Ci ha lasciato tantissima bellezza, parole piene di poesia, di significato e di vita. è  una canzone senza tempo, posso esprimere una vocalità diversa che forse non posso esprimere in altri brani. Ha una caratteristica che in poche canzoni hanno:  ha una profondità che le permette di essere giusta in situazioni particolarmente profonde“.  

Poche parole per introdurre il brano, e poi non ce n’è più per nessuno. Elisa spiazza completamente tutti, incantando con la sua voce soave. Una di quelle esibizioni che non si possono replicare. Ed il pubblico del Mandela forum sembra essere estasiato e completamente assorto come me, in una dimensione parallela, lontana da guerre sociali e scontri religiosi. Non si sente volare nemmeno una mosca, nessuno chiacchiera, non si sentono urla, sembrano essersi fermati anche i flash dei cellulari e delle macchine fotografiche.   E’ un silenzio religioso quello che avvolge per circa 4 minuti il Nelson Mandela forum di Firenze. Siamo  tutti “paralizzati” davanti ad un’esibizione inimitabile ed irripetibile.
Due ore di concerto che  confermano la grandiosità, la forza , la capacità di cambiare e l’unicità vocale di una delle migliori cantanti del nostro paese. Elisa sa che con la voce può fare quello che vuole e lo fa senza mai tirarsi indietro.

ILENIA PUZONE
Photoset by ALICE LORENZINI (Modigliani Forum Livorno 12-11-2016)

Credits: si ringrazia Bit Concerti & LNDF, per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento di Firenze e LEG Live Emotion Group per la data di Livorno.

LA FORMAZIONE:
Elisa (voce)
Andrea Rigonat (chitarra)
Curt Schneider (basso)
Victor Indrizzo (batteria)
Cristian Rigano (tastiere)
Jessica Childress e Sharlotte Gibson (cori)

Elisa online
www.elisatoffoli.com
www.facebook.com/elisaweb
https://twitter.com/elisatoffoli