fbpx
Now Reading
ELIO E LE STORIE TESE “Tour dell’addio” – Live @ Nelson Mandela Fo …

ELIO E LE STORIE TESE “Tour dell’addio” – Live @ Nelson Mandela Fo …

Elio e le Storie Tese ci salutano. Un ultimo tour, un ultimo album, un’ultima partecipazione a Sanremo “guadagnando” l’ultimo posto. Dopo 38 anni di musica la band ha deciso di salutare i suoi fan con un’ultima serie di concerti, il Tour d’Addio, iniziato il 20 aprile e che si protrarrà fino al 29 giugno 2018, in modo da poter raggiungere tutti coloro che non sono riusciti a partecipare al Concerto d’Addio tenutosi al Mediolanum Forum.
 
Il 5 maggio il Tour d’Addio ha fatto tappa a Firenze al Nelson Mandela Forum e la band è stata accolta da un pubblico caloroso, pronto a festeggiare e a cantare un’ultima volta insieme. Al centro del palco, davanti al microfono di Elio, un quadro con lo stemma della città di Crema ricordava la presenza on stage di Paolo Panigada, Feiez, venuto a mancare nel 1998 ma mai dimenticato.
 
Lo spettacolo è iniziato con un requiem annunciante la morte della band, seguita dalle note di Servi della Gleba. Il concerto è stato un susseguirsi di musica, intermezzi e siparietti che lo hanno reso un’esperienza pazza e unica nel suo genere. Elio e i suoi musicisti hanno interagito col pubblico creando cori ironici e giocando sul tema della tarantella “Uè! Uè!”, prendendosi il merito di riaverla portata in auge.
Eccezionale la presenza di Luca Mangoni che, come Elio ha ripetuto spesso durante la serata, “non fa parte di Elio e le Storie Tese”: con i suoi costumi eccentrici e sempre diversi ha creato coreografie esilaranti con tanto di piroette.
 
La band si è esibita in modo eccezionale, presentando pezzi storici come La terra dei cachi, Il Vitello dai Piedi di Balsa e Canzone Mononota; eccezionali La vendetta del fantasma Formaggino e Cateto, in cui i musicisti hanno dato il meglio di sé realizzando passaggi musicalmente molto complessi senza farli apparire tali e ironizzando, infine, sul fatto che nessuno sarebbe così pazzo da suonarle di nuovo, per cui quella era l’ultima volta che il pubblico le avrebbe sentite dal vivo. Dopo tre ore di gag e musica, lo spettacolo si è concluso con Tapparella, un classico di chiusura della band, e sulle note di Arrivedorci.
 
Sul palco insieme a Stefano Belisari, in arte Elio, Faso, Cesareo, Jantoman e Christian Meyer, insieme a Paola Folli, hanno espresso tutto il loro talento musicale. Mancava Rocco Tanica sostituito dal maestro Vittorio Cosma che ha fatto da spalla a Elio in molte gag.
 
Il Tour d’Addio terminerà il 29 giugno a Barolo, ufficalmente l’ultima data della band che vedrà il ritorno sul palco anche di Rocco Tanica. 

Report & photoset by ALICE LORENZINI
 
Credits: si ringrazia Le Nozze di Figaro per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento.

La scaletta del concerto:
Servi della gleba
Burattino senza fichi
La vendetta del fantasma formaggino
Cateto
La follia della donna
Fossi figo
Essere donna oggi
Pipppero

  • La visione
  • Vacanza alternativa
  • Urna
  • Discomusic
  • Born to be Abramo

TVUMDB
Il vitello dai piedi di balsa
Luigi il pugilista
People from mendrisio
Il circo discutibile
Il vitello dai piedi di balsa reprise
El pube
Uomini col borsello
Parco Sempione
La canzone mononota
La terra dei cachi
Supergiovane
Encore:
Carro
Nubi di ieri sul nostro domani
Tapparella

Gli Elii:
Stefano Belisari aka ELIO – voce, flauto traverso, chitarra, basso
Nicola Fasani aka FASO – basso, batteria
Davide Civaschi aka CESAREO – chitarra
Christian Meyer aka MEYER – batteria
Antonello Aguzzi aka JANTOMAN – tastiera
Sergio Conforti aka ROCCO TANICA – tastiera (non presente in tour)
Guests:
Vittorio Cosma aka CARMELO – tastiera
Paola Folli aka PAI FOLLAI – voce, cori, tamburello, maracas
Luca Mangoni aka MANGONI – coreografie, cori
 
http://elioelestorietese.it 
https://www.facebook.com/elioelestorietese
https://twitter.com/eelst 
https://www.youtube.com/user/elioelestorietese 
https://www.instagram.com/elioelst 

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.