Now Reading
DEEP PURPLE “The Long Goodbye tour” – Live @ Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO) 23-6-201 …

DEEP PURPLE “The Long Goodbye tour” – Live @ Unipol Arena, Casalecchio di Reno (BO) 23-6-201 …

Hanno eletto Firenze capitale del rock 2017, ma la calda estate di Studio’s non è da meno, ai Radiohead contrappone i Depeche Mode, ai SOD, Vedder e dintorni con il botto dei Guns N’Roses, al tour di addio degli Aerosmith con quello dei Deep Purple. In questo ideale derby dell’appennino a guadagnarci sono i malati di rock che nell’arco di poche decine di kilometri possono godere di tanta buona musica e bene organizzata. Questo The Long Goodbye tour non è stato annunciato esattamente come l’ultimo, ma lan Paice ha subito un ictus l’anno scorso che gli ha lasciato danni alle dita della mano destra con conseguente cancellazione del tour in Scandinavia. Per questo all’annuncio dichiarò “May be the last big tour. We haven’t made any hard, fast plans, but it becomes obvious that you cannot tour the same way you did when you were 21. It becomes more and more difficult. People have other things in their lives, which take time. But never say never.”
 
Narra la leggenda che I grandi si ritirano all’apice della carrier o comunque quando hanno ancora qualcosa da dire, e sia gli Aerosmith che I Deep Purple di musica da fare e fans da soddisfare ne sono ancora pieni e di qualità altrettanto. La setlist ripercorre il precedente European Tour 2015 arricchendolo di alcuni brani tratti dal nuovo Infinite. Una formazione che ci riporta alla Mark II del 1969, sopperendo alle perdite di Jon Lord e Ritchie Blackmore con il grandissimo Don Airey, già in tutte le più grandi band rock mondiali, dai Sabbath ai Jethro, da Ozzy alle derivazioni purpleiane Rainbow e Whitesnake e con sua maestà Steve Morse alla 6 corde, già numero 1 al mondo nel 1983. In questa sessione l’ex-chitarrista dei Kansas può suonare al massimo presentandosi senza il guanto che gli proteggeva i tendini della mano destra nel tour del 2015.
 
E poi che dire? La Unipol è murata di vecchi fans che portano i figli, e vedere i bambini impazzire e saltare su musiche anni ’60 è sempre un bello spettacolo! Le nuove canzoni di Infinite si inseriscono alla perfezione nel solco del passato. Dubbi non ce ne erano, ma la band si presenta subito in grande spolvero, un Gillan ruggente, un Paice che pesta come un indemoniato, Glover gli sta davanti e sono una macchina ritmica di grande spessore, al top. Airey con Morse sono la parte creativa, King Steve non ha bisogno di usare velocità supersoniche e sparare milioni di note per impressionare, tira le corde fino allo spasimo estraendo suoni alieni, Don è estroso e contribuisce a tenere alto il livello di varietà con la sua tecnica raffinata. Quando arrivano le grandi hits come Strange kind of woman e Perfect strangers, l’arena esplode letteralmente, il duo che chiude il live con una travolgente Space truckin’ e l’immancabile ed incandescente Smoke on the water, trasformano il parterre in un vulcano esplosivo. Il bis è l’apoteosi, la sorpresa di Peter Gunn è quanto mai gradita ed apre la via alla funkeggiante Hush ed alla esplosione di Black night.
 
L’età passa per tutti, ma a quanto pare le band seminali restano immortali, dato il grado di forma si può solo sperare di poterli rivedere in futuro, stasera il concerto ha ripercorso la storia del rock, aggiungendoci l’ultima tappa fresca fresca, e contaminando il tutto con ampio uso di prog che ha solo insaporito ulteriormente il ricco pasto della Mark dei Deep Purple.
 
MAURIZIO DONINI
Photoset by NINO SAETTI

Credits: si ringrazia Studio’s Online  per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento. 

Setlist:
Time for Bedlam
Fireball
Bloodsucker
Strange Kind of Woman
Johnny’s Band
Uncommon Man
The Surprising
Lazy
Birds of Prey
Hell to Pay
Keyboard Solo
Perfect Strangers
Space Truckin’
Smoke on the Water
Encore:
Peter Gunn (Henry Mancini cover)
Hush (Joe South cover)
Black Night
 
Members:
Ian Gillan – voce
Steve Morse – chitarra
Roger Glover – basso
Don Airey – tastiere
Ian Paice – batteria

http://www.deeppurple.com
https://www.facebook.com/officialdeeppurple
https://twitter.com/_DeepPurple
http://www.youtube.com/user/DeepPurpleVEVO ​