Now Reading
2CELLOS – le furie del violoncello rock at Estragon Bologna

2CELLOS – le furie del violoncello rock at Estragon Bologna

1571843 273

Picture

I 2Cellos sono un duo di violoncellisti sloveno-croati, composto da Luka Šulić classe 1987 e Stjepan Hauser del 1988. Il loro background si è formato suonando Bach in chiesa per le vecchiette e si è evoluto sui canali di Youtube nel gennaio 2011 dove esplodono mettendo on line Smooth criminal di Michael Jackson. Il successo li induce a ripetersi in un back to back reinterpretando Welcome to the Jungle dei Guns N’ Roses, da qui al primo album il passo è breve. Se ne accorge anche Elton John che li volle con sé sul palco nel tour 2011 toccando anche l’Italia.

E’ la perfetta organizzazione del l’Estragon di Bologna  in sold out da tempo ad accogliere il duo di musicisti classici prestati al rock. Un inizio in religioso silenzio da parte del pubblico con il Benedictus che scatena gli applausi solo al termine, Where the street have no name ci porta sui più sapidi sentieri del rock, tracimando nella vivace Viva la Vida, le dita del duo corrono veloci sui manici degli strumenti intercalandosi frequentemente a colloquiare con il pubblico. La dolce tristezza di Shape of my heart sparge spasimi dolorosi sulla platea, ma ci si riprende subito con l’infuocata Resistance. Paiono un poco stanchi e fermi i ragazzi, ma si tuffano nel The book of love per ritrovare forza e poi rilanciare il piatto con With or without you. Pescando nel carniere del King of the pop ne estraggono Human nature cui segue come una sentenza Smooth criminal. Ancora i pezzi su cui hanno costruito la loro fortuna, Welcome to the jungle fa detonare il ritmo, manca ancora qualcosa ed ecco entrare il drummer, Dusan Kranjc si siede dietro i rullanti ed inizia a violentare le pelli con sapiente fermezza. Thunderstruck con lui alle spalle dei cellos è una infuocata meteora che illumina l’hangar musicale dell’Estragon. Solida e tagliente Voodoo People è l’open door della numero 1, sua maestà Smells like teen spirit. I maxi schermi riportano la bellezza dei ragazzi frammista ad una, non si sa quanto spontanea, insita timidezza, sicuramente il loro lato estetico è parte pregnante del successo, basta guardare la platea femminile per rendersene conto. Immane nella sua magnificenza armonica scorrono gli AC/DC di You shook me all night long che proseguono la loro infernale corsa correndo lungo la Highway to hell. La chiusura è con (I can’t get no) satisfaction cantata assieme a tutto il pubblico in adorazione estatica. Il pubblico reclama a gran voce il dovuto bis, ed arrivano i Maiden di The Trooper, per poi rientrare  made in casa Young con Back in black, quindi si chiude veramente con Sting, la mielosa e succulenta Fields of gold è zucchero a velo sparso sopra la torta di un concerto principesco .

Sono bravi, sono belli, sanno usare i media alla perfezione, c’è del vero nella loro musica, l’idea di usare strumenti classici per reinterpretare canzoni rock non è nuova, da sempre le versioni orchestrali e non si accampano sui prosceni mondiali. Il concerto è bello, ben suonato, fuori dalle righe cui siamo abituati, forse sopravvalutato se togliamo tutti gli orpelli ed il battage che li accompagna, ma vale sicuramente la pena passare una serata in compagnia del duo per vedere qualcosa che non è comunque usuale ammirare sui palchi dei live.

MAURIZIO DONINI
photos by Ivan Elmi

Voto 7/10

Setlist:
1.       Benedictus (Karl Jenkins cover)
2.       Where the Streets Have No Name (U2 cover)
3.       Viva La Vida (Coldplay cover)
4.       Shape of My Heart (Sting cover)
5.       Resistance (Muse cover)
6.       The Book of Love (The Magnetic Fields cover)
7.       With or Without You (U2 cover)
8.       Human Nature (Michael Jackson cover)
9.       Smooth Criminal (Michael Jackson cover)
10.   Welcome to the Jungle (Guns N’ Roses cover)
11.   Thunderstruck (AC/DC cover)
12.   Voodoo People (The Prodigy cover)
13.   Smells Like Teen Spirit (Nirvana cover)
14.   You Shook Me All Night Long  (AC/DC cover)
15.   Highway to Hell (AC/DC cover)
16.   (I Can’t Get No) Satisfaction (The Rolling Stones cover)
Encore:
17.   The Trooper (Iron Maiden cover)
18.   Back in Black (AC/DC cover)
Encore 2:
19.   Fields of Gold (Sting cover)

http://www.2cellos.com/
https://www.facebook.com/events/286880718176709/