fbpx
Now Reading
Negrita “Club Tour 2016” – Live @ Hiroshima Mon Amour Torino 4-3-2016

Negrita “Club Tour 2016” – Live @ Hiroshima Mon Amour Torino 4-3-2016

I Negrita scelgono di ritornare alla dimensione intima dei club per il loro ultimo tour, quasi per fare un regalo ai fans più affezionati, il risultato è infatti come  previsto sold out in poco tempo per un vero e proprio face to face con il pubblico. È proprio questo uno dei motivi della scelta di locali dalle piccole dimensioni rispetto alla portata della band, come dichiarato vuole essere un ritorno alle origini, all’essenza iniziale da cui è partito il progetto più di vent’anni fa e per farlo c’è bisogno di ricercare quel confronto diretto con il pubblico che non sarebbe possibile ottenere in nessun altro contesto.
 
L’Hiroshima è piena e tutti attendono le dieci e mezza, ora in cui è fissato l’inizio ed ecco che dal palco si scatena l’energia con un salto temporale inaspettato: e allora Ehi! Negrita per farci capire la potenza che sono in grado di tirare fuori, una band la cui esecuzione dal vivo è impeccabile, rispecchia fedelmente il lavoro in studio. Da Negativo e In ogni atomo cantate a squarciagola dai presenti fino a Bambole e Hollywood le chitarre di Drigo e Mac si fondono perfettamente con la solida base ritmica di Cris e Giacomino, rispettivamente alla batteria e al basso. Questa ciurma capitanata da Pau nei club funziona benissimo.
 
La scaletta è leggermente riadattata rispetto a quella destinata al grande pubblico, presentata nell’estate 2015, è studiata appositamente per i club e vi è un ritorno alle origini.  
Il concerto si compone di due parti divise tra loro da quello che il frontman definisce “Whisky time”, una breve pausa in cui la band esce di scena per poi tornare carica per altri dieci pezzi. Questo inframezzo divide la struttura del live, la prima parte dal sound più rock è legata ai Negrita degli albori e lascia spazio anche a “brani più sconosciuti, tirati fuori dal cilindro della nostra storia”, come hanno detto in una recente intervista, mentre la seconda parte è più colorata, vicina al sound latino americano della band (non a caso si apre con Radio Conga)

Il finale è tutto in salita: A modo mio, Cambio, Transalcolico fino a Mama Maè con grande gioia per i fans che in questi ultimi pezzi danno il meglio di se. La band saluta con il tradizionale inchino.
La tourneé dei Negrita nei club continua, registrando numeri da record, oltre 10 date sold out e molte repliche nelle varie città. Un concerto da non perdere

FRANCESCO MINA
Photoset by SARAY GARDEN

Scaletta: 

  • Ehi! Negrita
  • War
  • Negativo
  • In ogni atomo
  • Militare
  • Il mio veleno
  • Poser
  • 1992
  • Fuori controllo
  • Il gioco
  • I tempi cambiano
  • Bambole
  • Hollywood

Inframezzo (Whisky time)

  • Radio Conga
  • Rotolando verso sud
  • Soy Taranta
  • Alzati Teresa
  • Ululallaluna
  • Salvation
  • A modo mio
  • Cambio
  • Transalcolico
  • Mama Maè

L’attuale formazione è composta da:
Paolo Bruni “Pau” – voce, chitarra, armonica a bocca
Enrico Salvi “Drigo” – chitarra solista, cori
Cesare Petricich “Mac” – chitarra ritmica, cori
Cristiano Dalla Pellegrina “Cris” – batteria
Guglielmo Ridolfo Gagliano “Ghando” – pianoforte, tastiere, violoncello
Giacomo Rossetti “Giacomino” – basso, cori

http://www.negrita.com
https://www.facebook.com/negritaband
https://twitter.com/negritaband
https://www.youtube.com/user/negritaband
http://open.spotify.com/artist/0Tuudqq2NACRXkvTQGazY2

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.