Now Reading
TuttoRock LivingRoom – Rock & Talk con ROBY FACCHINETTI venerdì 26-2-2021 h.21:00

TuttoRock LivingRoom – Rock & Talk con ROBY FACCHINETTI venerdì 26-2-2021 h.21:00

In diretta, collegandosi alla pagina facebook di Tuttorock

Roby Facchinetti è “nipote d’arte”: il nonno era compositore e direttore di un coro polifonico. A 4 anni suona d’istinto un organetto a bocca; a 8 studia la fisarmonica (assimilando la scala di Do con tutti i suoi valori in appena un’ora di lezione); a 10 passa al pianoforte. Milita in tanti gruppi: con I Monelli fa tanta gavetta fino all’esibizione in un Veglione al Grand Hotel di Rimini e la seguente scrittura per venti serate al locale La Stalla di Riccione, molto in voga in quel periodo. Nel febbraio 1966, mentre suona con la band Pier Filippi e Le Copains, conosce i Pooh che gli propongono di entrare nella prima formazione ufficiale al posto di un tastierista inglese. Inizialmente l’obiettivo primario di Roby è comporre canzoni (lo fa dall’età di 11 anni). Da quel giorno non ha più lasciato i Pooh e a tutt’oggi è cantante, compositore e tastierista del gruppo. Ha pubblicato 2 dischi a distanza di dieci anni: “Robi Facchinetti” del 1984 (inciso con musicisti inglesi e l’orchestra sinfonica di Monaco) e “Fai col cuore” del 1994 (un album introspettivo, anche questo registrato con un’orchestra sinfonica). Come compositore ha collaborato con numerosi artisti come Milva, Alessandro Safina, Andrea Del Principe e molti altri.

A partire dal 19 febbraio è in radio il terzo singolo di Roby Facchinetti dal titolo Cosa lascio di me estratto dall’album Inseguendo la mia musica, uscito lo scorso 25 settembre e distribuito da Believe Digital. Il brano è firmato da Roby Facchinetti e Maria Francesca Polli, già autrice di Mina, che racconta di come alla fine di ogni giorno una piccola impronta che parla di noi rimanga nel cuore di chi ci vive accanto o di chi abbiamo incontrato anche solo un attimo nella nostra vita. Come dice la stessa autrice “Ognuno di noi può essere speciale per qualcun altro. Basta lasciare qualcosa di noi, fosse solo un’emozione. Fosse solo una canzone”.